BARRAFRANCA. Assolto perché il fatto non sussiste Giuseppe Zuccalà.

BARRAFRANCA. Assolto perché il fatto non sussiste Giuseppe Zuccalà.

Dopo quasi tre anni dall’avvio della operazione denominata “Ultra” è stato definito lo stralcio del procedimento relativo alla posizione del Geom. Giuseppe ZUCCALA’, responsabile dell’ufficio tecnico del Comune di Barrafranca, accusato del reato di corruzione, corruzione perché, secondo l’accusa, avrebbe favorito l’impresa di BLASCO Salvatore nell’aggiudicazione di due distinti lavori appaltati dal Comune di Barrafranca. Il geometra Zuccalà per tale accusa venne sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari, misura annullata dal Tribunale di Riesame di Caltanissetta che, anche sulla scorta della copiosa documentazione prodotta dal difensore, avvocato Gabriele Cantaro, ha potuto apprezzare il regolare svolgimento delle procedure di assegnazione dei lavori, ritenendo – anche su tale presupposto – non consistenti gli indizi sulla cui base era stata chiesta ed applicata la misura, disponendo l’immediata liberazione dell’indagato. Nonostante tale provvedimento, essendo ancora in corso le indagini, il Comune di Barrafranca, aveva ritenuto di sospendere dal servizio il geometra ZUCCALA’ essendo ancora in corso gli accertamento relativi alle opere date in appalto dal Comune di Barrafranca. Da tali ulteriori accertamenti non sono emerse irregolarità di sorta e, con la chiusura delle indagini, la Procura Distrettuale ha chiesto il rinvio a giudizio del geometra Zuccalà per la originaria contestazione che aveva dato luogo all’applicazione della misura. Il collegio difensivo del geometra Zuccalà ha chiesto che nei confronti dello stesso si procedesse nelle forme del giudizio abbreviato. Il giudizio si è celebrato avanti al GUP del Tribunale di Caltanissetta, Dottoressa Carrabotta. La Pubblica accusa rappresentata dal P.M. distrettuale dottoressa Caruso aveva chiesto la condanna dell’imputato alla pena di anni due e mesi otto di reclusione. La difesa del geometra Zuccalà. rappresentata dagli avvocati Gabriele Cantaro e Boris Pastorello, sulla scorta degli elementi di prova a discolpa del proprio assistito, già acquisiti agli atti del procedimento, ha chiesto il proscioglimento del loro assistito, evidenziando non solo l’assoluta correttezza del suo comportamento nello svolgimento delle gare richiamate nella contestazione di reato ma anche l’ulteriore  circostanza costituita dal fatto che le ulteriori minuziose indagini svolte dalla Procura Distrettuale di Caltanissetta non hanno evidenziato manchevolezze di sorta nell’operato del responsabile dell’Ufficio Tecnico del Comune di Barrafranca. Dopo circa quattro ore di camera di consiglio, il GUP del Tribunale di Caltanissetta dottoressa Carrabotta ha emesso la sentenza che ha prosciolto il geometra  Zuccalà da ogni accusa perché il fatto non sussiste. GAETANO MILINO

You may also like

ENNA. Ordine dei Medici: Diciassette nuove assistenti di studio odontoiatrico in provincia di Enna.

Giovedi 18 aprile, presso la sede istituzionale DELL’ORDINE