PIETRAPERZIA. Pierluigi Bellavia pizzaiolo ufficiale al festival di Sanremo 2023.

PIETRAPERZIA. Pierluigi Bellavia pizzaiolo ufficiale al festival di Sanremo 2023.

Pierluigi, 34 anni, è originario di Caltanissetta. Lui, trapiantato a Pietraperzia per avere sposato una ragazza pietrina, è titolare della pizzeria “Pietra in Grani” di contrada Cava. Visibilmente soddisfatto, Pierluigi si presenta e ci racconta di questa bella “avventura” che lui attende con ansia. Il giovane pizzaiolo pietrino partirà per Sanremo a fine gennaio 2022 per prepararsi al meglio al festival che si terrà nella città ligure dal 7 all’11 febbraio 2023. Pierluigi risponde di buon grado alle domande che vogliono fare chiarezza su questa sua partecipazione come pizzaiolo ufficiale del Festival di Sanremo 2023. “Mi chiamo Pierluigi Bellavia, ho 34 anni e sono nato a Caltanissetta. Da più di sei anni sono nel territorio pietrino anche perché mia moglie è di Pietraperzia e, quindi, ho messo radici qua”. “Dopo avere appreso la notizia – aggiunge Pierluigi – ho provato una emozione incredibile perché tra l’altro, è stata del tutto inaspettata. Pensavo che fosse improbabile che capitasse proprio a me. Invece ho avuto il dolce risveglio”. Qual è stata la via che tu hai seguito per raggiungere tale ambìto traguardo? “Per entrare nel cast dei pizzaioli ufficiali del Festival di Sanremo ho fatto la domanda e sono stato selezionato dagli organizzatori dell’area Food Casa Sanremo”. Cosa hai provato tu quando ti è arrivata la notizia ufficiale? “Il cuore è esploso di gioia perché, come notizia, era del tutto inaspettata”. Tu darai il meglio di te stesso e cosa pensi di fare a Sanremo? “Intanto lì porterò la mia pizza che gusteranno tutti i partecipanti al Festival di Sanremo, tutto il cast che organizza il Festival.

Quindi porterò la mia pizza che è già molto apprezzata nel territorio e in tutto l’hinterland come Pietraperzia, Barrafranca, Caltanissetta ed altri paesi. Infatti ho molti clienti anche di fuori che vengono a gustare le mie pizze che apprezzano molto. Il mio obiettivo è, soprattutto, quello di divulgare il mio sapere anche là”. Cosa ti senti di dire ai giovani pizzaioli e a chi vuole intraprendere la tua strada? “Perseverare per raggiungere i propri obiettivi. Il mio obiettivo era, fin dall’inizio, da quando ho aperto la mia pizzeria, quello di fare scoprire il buon mangiare anche nel nostro ambiente che non è ricco di realtà che riescano a fare mangiare un buon prodotto. Il mio obiettivo è, infatti, proprio quello. Mancava un punto di riferimento e spero di avere raggiungere l’intento di fare apprezzare della buona tavola e i miei clienti hanno apprezzato tutto ciò”. Dove si trova “Pizzeria in Grani” di Pietraperzia e da quanti anni è aperta? “La pizzeria “Pietra in Grani” si trova vicino al santuario Madonna della Cava, 50 metri prima sulla destra. La pizzeria “Pietra in Grani” è aperta da quasi due anni”. Avete una specialità particolare da sottoporre ai vostri clienti? “Definirei le nostre pizze quasi tutte speciali perché sono preparate con amore e ricche di abbinamenti particolari. Qualsiasi pizza che viene preparata qui viene studiata nei minimi dettagli: dalla ricerca degli ingredienti a tutto l’abbinamento. Qualsiasi pizza prodotta da noi è stata studiata nei minimi dettagli”. Cosa ti ha spinto, oltre all’amore, ad approdare da Caltanissetta a Pietraperzia? “La voglia di rivalsa e di vincere in un territorio dove si è abituati ad altro”. Pierluigi Bellavia ha avuto altre esperienze nel senso che ha partecipato ad altre iniziative. “Si, ho partecipato a diversi concorsi nel settore pizzeria. Sono stato, recentemente, a Taormina Gourmet, che è una delle fiere eno-gastronomiche più importanti del Sud Italia e dove ho presentato la mia pizza. Sono stato, inoltre, all’Expo Cook di Palermo alla Fiera del Mediterraneo assieme al team Oro di Napoli (che uno dei miei fornitori ed è una azienda che ci fornisce prodotti caseari campani). In questa pizzeria usiamo prodotti tutti particolari, anche di origine campana, perché nella nostra pizzeria selezioniamo le materie prime sia quelle siciliane che anche quelle italiane perché ogni cosa sta al suo posto; la mozzarella più buona, a mio modo di vedere, la producono a Napoli. Io ho provato anche altre mozzarelle ma ho trovato quella napoletana la migliore. Tutti gli ingredienti sono biologici e stagionali. L’ultima esperienza che ho avuto è quella di essere stati selezionati come Migliore Pizzeria della Sicilia per la rivista All Food Sicily, una rivista siciliana tra le più importanti a livello gastronomico”. GAETANO MILINO

Previous CALTANISSETTA. Tentata rapina a un negoziante: la Polizia di Stato esegue quattro misure cautelari.
Next GDF Nucleo Speciale Tutela Privacy E Frodi Tecnologiche. Oscurati 59 siti web e 138 annunci dediti alla vendita di prodotti da fumo su piattaforme di e-commerce e social network.