IL DISTURBO BORDERLINE DI PERSONALITÀ. LA STORIA DI NICOLE MESSANA A CONFRONTO CON GLI STUDENTI DEL LICEO

IL DISTURBO BORDERLINE DI PERSONALITÀ. LA STORIA DI NICOLE MESSANA A CONFRONTO CON GLI STUDENTI DEL LICEO

Si è svolta nei giorni scorsi all’interno dell’aula convegni del Liceo delle Scienze Umane Paritario di Caltagirone il convegno dedicato al “disturbo borderline di personalità”. A confronto con gli studenti e le studentesse del liceo la storia di Nicole Messana, giovane studentessa universitaria, oggi 20enne di Caltagirone.

Ha scoperto di soffrire del disturbo borderline di personalità e ha deciso di raccontare la sua storia per mandare messaggi di forza e coraggio a tutti coloro i quali hanno il suo stesso disturbo. Non capita spesso di parlare di questo e di altri disturbi, ma il Liceo delle Scienze Umane mette in pratica la teoria studiata a scuola con percorsi didattici attraverso incontri e convegni. Nicole ha poi presentato il suo libro “Io non ero lì”.

“La famiglia è importante, parlate con loro e con gli esperti”

“Mi sentivo sola, incompresa, nonostante io non fossi sola perché avevo la mia famiglia ma il mio disturbo mi portava a credere di non essere capita. Avevo un modo di vedere il mondo diverso da quello degli altri. Mi sentivo diversa, vivevo delle emozioni che non riuscivo ad affrontare e che altre persone affrontavano tranquillamente. Avevo attacchi di panico frequenti anche per banalità. Nessuno o quasi è capace di auto analizzarsi da soli, in realtà, questo processo, non si può fare l’importante e fondamentale è il dialogo con i genitori perché abbiamo sempre il bisogno di una spalla, di una mano di qualcuno che ci stia vicino in questo caso di una figura professionale che ci dica qual è il problema e come affrontarlo”.

“Non bisogna avere paura di farsi aiutare dai professionisti e parlare con i propri genitori – ha detto Nicole agli studenti e studentesse –  ed è proprio questo il monito di Nicole che ha affrontato il suo trascorso con sacrifici, ma oggi si definisce gioiosa perché è consapevole dei suoi limiti e del suo disturbo. “Aprire la scuola per ospitare storie di persone che testimoniano ciò che gli studenti e le studentesse apprendono dai libri – ha detto il Coordinatore Didattico prof. Francesco Bunetto – fa parte non solo per seguire percorsi e competenze trasversali e per l’orientamento scolastico ma per arricchire l’esperienza degli alunni e delle alunne e fare tesoro dei messaggi positivi e di forza che partono dalle storie delle persone”.

Previous PIETRAPERZIA. Presentazione del libro “Quei passi” di Anna Vasques.
Next PIAZZA ARMERINA. LA POLIZIA DI STATO INCONTRA I GENITORI DEGLI ALUNNI DELL’ISTITUTO COMPRENSIVO CHINNICI-RONCALLI DI PIAZZA ARMERINA PER AFFRONTARE LA TEMATICA RELATIVA AI RISCHI E AI PERICOLI DEL WEB