PIETRAPERZIA. Il dottore Giovanni Bevilacqua nuovo Dirigente Scolastico all’istituto comprensivo “Vincenzo Guarnaccia”.

PIETRAPERZIA. Il dottore Giovanni Bevilacqua nuovo Dirigente Scolastico all’istituto comprensivo “Vincenzo Guarnaccia”.

Lui sostituisce la dottoressa Daniela Rizzotto, trasferitasi, dallo scorso 1° settembre, all’istituto comprensivo “Martin Luther King” di Caltanissetta. Giovanni Bevilacqua. Il nuovo dirigente scolastico del comprensivo “Vincenzo Guarnaccia” di Pietraperzia è “dirigente scolastico presso il Cpia – Centro Provinciale Istruzione per gli Adulti – di Caltanissetta, una istituzione scolastica statale che si occupa di istruzione per adulti e che ha, come sede amministrativa, Caltanissetta e sede operativa nelle due province di Enna e di Caltanissetta. Sono qui a Pietraperzia come reggente e quindi spero di potere dare continuità da un lato e, dall’altro lato, preparare il futuro per questo istituto comprensivo”. “Sono di Pietraperzia – continua Giovanni Bevilacqua – e quindi spero di fare quanto di meglio io possa”. Lei da quanti anni è Dirigente Scolastico e dove ha prestato servizio in precedenza? “Sono dirigente scolastico a Caltanissetta da 15 anni. Ho prestato servizio, per circa sette anni, all’istituto comprensivo di Villarosa e poi, all’istituto professionale di Enna, all’Alberghiero e poi al Cpia di Caltanissetta ed Enna”. Cosa dichiara il professore Giovanni Bevilacqua rivolto all’utenza scolastica? “Ho trovato una situazione estremamente positiva nel senso che vi è la volontà, da parte di tutti, a far sì che il servizio scolastico possa proseguire ed essere attuato all’insegna della massima collaborazione tra le componenti”. Il Dirigente Scolastico Giovanni Bevilacqua continua: “Ho attivato una buona collaborazione sia con il personale interno, sia con i genitori e con l’amministrazione anche se ho l’idea di riprendere un vecchio progetto che avevamo avviato, a suo tempo, a Barrafranca. Poi l’avevamo lanciato anche in altri comuni della provincia insieme a Pietraperzia che ha a che vedere con il rilancio del Quadrilatero Formativo. È un modello organizzativo che parte dall’idea che la presa in carico dei minori non sia prerogativa di una sola delle componenti – Famiglia, Scuola o altro – ma debba avvenire, da parte dell’intera comunità, una assunzione di responsabilità per cui la presa in carico del Minore deve essere una azione congiunta di tutte le componenti positive della comunità e cioè, in prima battuta, Scuola, Famiglia, Ente Locale e Associazioni ma intendendo per Ente Locale tutte le Istituzioni che operano nel territorio e intendendo per Associazioni tutto il Terzo Settore che, in un modo o nell’altro, possono svolgere un ruolo a favore dei minori. E, da questo punto di vista, ho già cominciato a proporre cose di questo genere e trovo molta disponibilità e questo non può che farmi piacere sia come Dirigente Scolastico che come cittadino di Pietraperzia”. Non pensa Lei di potere fare domanda di trasferimento per stabilirsi in pianta stabile come dirigente scolastico al comprensivo “Vincenzo Guarnaccia” Pietraperzia? “Trovo la cosa molto allettante e, sicuramente, molto interessante. Direi che è ancora prematuro, però… chissà. mai porre limiti alla Provvidenza”. GAETANO MILINO

Previous Annuncio servizi funerari agenzia G.B.G sig. Bonanno Francesco di anni 97
Next GDF CATANIA. Controlli in un’azienda dolciaria con gravi carenze igienico sanitarie, scoperti due lavoratori in nero.