PIETRAPERZIA. Il calendario “I Luoghi e I Segni” del mese di Agosto. L’Oasi di “Li Vagni”.

PIETRAPERZIA. Il calendario “I Luoghi e I Segni” del mese di Agosto. L’Oasi di “Li Vagni”.

Anche la tavola di Agosto – illustrata, come tutte le altre dodici (compreso il frontespizio) dall’Architetto Armando Laurella, fa parte del calendario “I Luoghi e i Segni” pubblicato a cura di “Amici della Biblioteca” e “Pro Loco” di Pietraperzia. Le notizie storiche dei luoghi “trattati” raccolte dallo stesso architetto Armando Laurella e dal professore Enrico Tummino. L’architetto Armando Laurella, nel “descrivere” la tavola di Agosto 2022, dice:“Siccità, desertificazione, ghiacciai in dissolvimento, grandi fiumi come il Reno e il Po in secca, ettari di vegetazione in fiamme, calore ai limiti della sopportazione, condizioni climatiche, insomma, che mettono in discussione la nostra esistenza sulla Terra”. “Ma il nostro Enrico (Tummino) – dice ancora l’architetto Armando Laurella – ci propone un suo modo di esorcizzare questi scenari da fine dei tempi. Veste i panni del ‘cacciatore d’acqua’, cerca e trova posti dove l’acqua sgorga dalle viscere delle terra e che la mano dell’uomo non ha ancora insozzato ed inquinato e ce li mostra, quando li scova, pubblicandoli su Facebook e WhatsApp, indicandoci, forse, la strada che, ovviamente, passa per il rispetto della Natura”. “Al mese di Agosto – dice ancora Armando Laurella – nel Calendario, è associata l’immagine di uno di questi luoghi benedetti dalla presenza dell’acqua, da lui scovati. Una pozza d’acqua di discrete dimensioni alimentata da una sorgente che sgorga dalla collinetta a monte in contrada ‘Vagni’ al confine tra i territorio di Piazza Armerina e Pietraperzia”. L’architetto Armando Laurella dice ancora: “Un luogo magico dove l’acqua dà vita ad un ambiente ancora popolato da creature acquatiche e da una fauna boschiva che va ad abbeverarsi allo stagno. Armando Laurella conclude: “Naturalmente le fanciulle e i pastorelli sono frutto di un personale ricostruzione immaginifica, non li troverà il valoroso visitatore che vorrà avventurarsi in quella contrada, ma ne sarà valsa la pena”. GAETANO MILINO

Previous Barrafranca. Il programma dei festeggiamenti in onore della "Madonna della Divina Grazia"
Next PIETRAPERZIA. Disinfestazione abitato del paese.