BARRAFRANCA. Dimissioni di 12 consiglieri comunali e di due assessori della giunta Accardi. Parla il vicesindaco Giovanni Patti.  

BARRAFRANCA. Dimissioni di 12 consiglieri comunali e di due assessori della giunta Accardi. Parla il vicesindaco Giovanni Patti.  

BARRAFRANCA. Dopo le dimissioni dei Consiglieri Comunali e degli assessori del PDR abbiamo voluto porre alcune domande al Vice Sindaco Giovanni Patti nonché rappresentante di Forza Italia.

Cosa pensa Giovanni Patti delle dimissioni di massa avvenute nell’ultima seduta di consiglio comunale? “La nostra forza politica è stata chiara sin dall’inizio dichiarando che la richiesta di dimissioni erano inopportune e pretestuose perché avrebbero al contrario lasciato dubbi e incertezze. La nostra proposta è stata quella di evitare le dimissioni e chiedere l’invio dell’ispezione da parte del Ministero, che è l’unico organo preposto ad accertare se il consiglio è l’amministrazione abbiano agito nella legittimità. Le dimissioni come ho detto destano sospetto e possono essere interpretate anche come una debolezza . È per questo che noi nella nostra richiesta al Ministro Lamorgese abbiamo chiesto con più forza di intervenire qualora il consiglio sarebbe decaduto con le dimissioni da parte del numero dei consiglieri necessari”.

Con le dimissioni degli assessori del PDR siete rimasti lei è l’assessore Calogero Pistone il quale proprio nell’ultima seduta ringraziava il gruppo che lo aveva proposto circa un mese fa, ma anche il rappresentante in consiglio comunale di questo gruppo si è dimesso. Cosa succederà adesso? “I colleghi del PDR coerentemente con le decisioni delle dimissioni del gruppo consiliare hanno fatto bene ed era naturale che rassegnassero le dimissioni. Sinceramente mi aspettavo lo stesso dall’Assessore Pistone, chiarirà lui e per questo abbiamo chiesto al Sindaco che la squadra di governo non può avere all’interno rappresentati di forze politiche che con le dimissioni hanno permesso la decadenza del Consiglio Comunale tranne che verranno prese le distanze.

Quale sarà l’iter per il proseguimento delle attività? “La Segretaria invierà all’assessorato agli Enti Locali le dimissioni dei consiglieri che avendo raggiunto il numero necessario ha causato la decadenza del Consiglio Comunale. L’assessorato nei tempi consentiti dalla legge invierà il Commissario che si sostituirà al Consiglio Comunale. Ringraziamo il Vice Sindaco per la disponibilità ed auguriamo buon lavoro”. GAETANO MILINO

Previous ENNA. Gaetano Campisi riconfermato presidente della Compagnia Arcieri Del Castello
Next BARRAFRANCA. Calogero Pistone spiega i motivi per cui non si è dimesso da assessore della giunta Accardi.