PIETRAPERZIA. Un automobilista, impantanato con la propria macchina in un terreno, salvato dall’intervento del carabinieri e dei vigili del fuoco. Nel salvataggio utilizzato un trattore.

PIETRAPERZIA. Un automobilista, impantanato con la propria macchina in un terreno, salvato dall’intervento del carabinieri e dei vigili del fuoco. Nel salvataggio utilizzato un trattore.

- in Pietraperzia

 PIETRAPERZIA. L’avventura a lieto fine ha coinvolto un forestiero di passaggio da Pietraperzia. Insieme a lui, nella stessa auto, viaggiava un suo amico e conoscente. I due, originari di Messina, dovevano raggiungere la vicina Caltanissetta ma il navigatore satellitare della loro auto ha fatto sbagliare strada e li ha “guidati” verso un’arteria secondaria che terminava in aperta campagna. La disavventura nella serata del 12 novembre. In zona imperversava un violentissimo nubifragio. L’uomo, alla guida dell’auto, aveva imboccato la provinciale 96 Pietraperzia Ponte Besaro Caltanissetta. Per un errore, si è infilato in una stradella laterale che, inizialmente, era asfaltata ma che, subito dopo, era a fondo naturale e in aperta campagna. Il messinese ed il suo compagno di viaggio, accortisi dell’errore, hanno cercato di uscire da quel pantano ma non ci sono riusciti. Hanno quindi telefonato al 112. I militari dell’Arma sono riusciti a rintracciare i due malcapitati con notevole difficoltà visto che loro non sapevano comunicare ai carabinieri l’esatta posizione. Individuatili, i militari dell’Arma hanno chiamato i vigili del fuoco di Enna e un trattorista di Pietraperzia, Cosimo Alù. L’automobilista e il suo compagno di viaggio erano in preda al terrore per il buio della sera e perché nella stradella si riversava pure un fiume di acqua per la pioggia che cadeva molto intensa. Il trattorista, con il suo mezzo agricolo, e i vigili del fuoco sono stati guidati dai carabinieri sul posto ed è cominciata l’azione di salvataggio. L’automobile è stata trainata dal trattore con una grossa fune e riportata fino alla strada principale che era asfaltata e quindi percorribile. Non è la prima volta che i carabinieri di Pietraperzia procedono a salvare persone in difficoltà. Alcuni mesi fa, un autobus di turisti era rimasto “impigliato” lungo la stessa provinciale 96 Pietraperzia Ponte Besaro Caltanissetta. Anche allora  erano intervenuti i carabinieri. L’autobus aveva toccato, con il pianale, una montagnola di fango. I carabinieri di Pietraperzia, arrivati sul posto,  erano riusciti, dopo alcune ore di lavoro, a liberare il grosso automezzo e a fare riprendere la marcia ai turisti visibilmente spaventati. GAETANO MILINO 

You may also like

ASP Enna. Attivato il Day Service Riabilitativo all’Ospedale Chiello di Piazza Armerina

L’importante servizio del Day Service Riabilitativo (D.S.R.) è