BARRAFRANCA. Il PD perde una consigliera comunale.

BARRAFRANCA. Il PD perde una consigliera comunale.

BARRAFRANCA. Si tratta dell’insegnante Vanessa Alessi Batù. Lei si è dichiarata indipendente. La giovane Vanessa era stata eletta nella primavera 2016 con la lista PD e sosteneva la coalizione dell’allora candidato sindaco Fabio Accardi. La sua decisione comunicata al segretario del partito oltre che al segretario generale del Comune di Barrafranca Anna Giunta, al presidente del consiglio comunale Giovanni Di Dio e ai capigruppo consiliari. Vanessa Alessi Batù spiega le ragioni di tale scelta in un lungo comunicato.

Questo il documento integrale: “Io sottoscritta Alessi Batù Vanessa, nella qualità di consigliere comunale del Pd, con la presente Vi annuncio   che, in conseguenza della mia decisione già comunicata al segretario del Pd, sezione locale di Barrafranca, di autosospensione dal partito  e dalle cariche di fatto e diritto  da me ricoperte al suo interno, per le motivazioni che dirò appresso, d’ora in poi la mia azione politica in consiglio comunale non rappresenta più le istanze del Pd e del relativo gruppo consiliare da cui mi dissocio apertamente e di cui dichiaro di non fare più parte. Ragion per cui, a partire da adesso, la mia azione politica in consiglio comunale sarà svolta in totale ed assoluta autonomia ed indipendenza dal PD ovvero in posizione di assoluta equidistanza tra gli schieramenti opposti di maggioranza e di opposizione.

In particolare, la mia decisione di assumere un atteggiamento autonoma ed indipendente rispetto al PD e alla azione politica da questo decisa e perseguita anche mio tramite in Consiglio Comunale, ma in cui già da qualche tempo  a questa parte non mi rispecchiavo più, è culminata, il 17.6.2019, durante la seduta consiliare di pari data in cui il Pd, quale forza di opposizione, subiva, al suo interno, in forte contraccolpo politico determinato dalla posizione assunta da altra forza di opposizione, ossia dal Movimento politico dei 5 Stelle, rappresentata in consiglio da tre componenti, il quale, agli occhi di tutti, con un mero stratagemma politico consistito nel non fare mancare alla maggioranza il numero legale necessario per la validità delle deliberazioni, ha permesso a quest’ultima, sic et simpliciter,  di approvare l’ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato, relegando al tempo stesso in un angolo, la restante compagine politica di opposizione; PD in primis, chiusa in se stessa, in quanto inerme dinnanzi  a tale atteggiamento del M5S”. “Ciò – continua Vanessa Alessi Batù – dà contezza del contesto politico attuale diventato molto problematico e, in ogni caso, molto più difficile del recente passato. Assistiamo infatti ad un nuovo atto di una miserevole commedia che vede tradito il voto dei barresi e che vede, come unico scopo, non il bene dei nostri concittadini, ma solo quelli di permettere un galleggiamento del Movimento 5 Stelle sino alla scadenza naturale del mandato elettorale (maggio 2021), timorosi come sono che la mancata approvazione nei termini dell’ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato avrebbe comportato il rischio di decadenza del consiglio comunale lasciando in carica solo il sindaco e gli assessori”.

“Da ciò ho tratto la convinzione – continua Vanessa Alessi Batù -, dopo una profonda riflessione, che, essendo stata eletta per amministrare questa città, ancorché nella lista del PD, di cui non rinnego i suoi principi istitutivi e statutari, ovvero la sua ideologia, ma nella consapevolezza, però, che una politica fondata sul presupposto che le idee sono tutto ed il potere non conta nulla è una politica che non esiste, di dissociarmi dal PD ed iniziare un percorso politico amministrativo autonomo ed indipendente che dovrà concludersi a maggio del 2021, data di scadenza naturale del mandato elettorale  affidatomi dagli elettori barresi, durante i quale mi batterò in maniera propositiva con tutte le forze per portare a termine le tante questioni ancora irrisolte del nostro Comune, molte delle quali nemmeno affrontate, inserite nel programma elettorale con cui ci siamo presentati dinnanzi all’elettorato barrese nella campagna elettorale di aprile/maggio 2016”.  “Del pari – continua Alessi Batù – assumerò un atteggiamento critico ed oppositivo nei confronti dell’attuale amministrazione ogni qualvolta si perda di vista l’interesse pubblico, che deve assistere ogni atto e/o provvedimento amministrativo di cui infatti l’interesse pubblico deve essere la sua cartina di tornasole. Da ciò la mia posizione di indipendenza ed autonomia”.

“Pertanto – conclude Vanessa Alessi Batù – nell’ulteriore convinzione che l’essermi sottratta al PD costituisce un gesto politico quanto mai necessario ed opportuno perché ciò non solo tiene conto delle sue legittime aspirazioni  che in parte qua non rispecchiano più le mie, ma anche della possibilità di potere ancora assolvere con il suo capogruppo in consiglio comunale il ruolo di forza di opposizione sebbene in un contesto politico estremamente problematico e, in ogni caso, più difficile del passato”. Di certo la decisione di Vanessa Alessi Batù è alquanto meditata. Lei, infatti, non è nuova della politica. Vanessa, infatti, nel 2007, ancora giovane universitaria, si era candidata al consiglio comunale e sosteneva l’allora candidato a sindaco della Margherita Giuseppe Lo Monaco.  GAETANO MILINO

Previous ROMA. Salve le ex province siciliane, approvato emendamento del M5S
Next BARRAFRANCA. “Infiorando Creativamente”.