BARRAFRANCA. L’Agricoltura  e le tante opportunità che offre.

BARRAFRANCA. L’Agricoltura  e le tante opportunità che offre.

- in Barrafranca

BARRAFRANCA. Il tema è stato affrontato e sviluppato durante la conferenza “Agricoltura. Una sfida e un’opportunità per le donne e i giovani del nostro territorio”. La convention tenuta nella sala conferenza “Monsignor Cravotta” di piazza Fratelli Messina. Ad organizzare l’evento il centro studi “Laborem Excercens” di Barrafranca – presidente Alessandro Lanza – oltre alla Coldiretti Donne e Giovani Imprese con il patrocinio del Comune di Barrafranca. Al tavolo della presidenza, Margherita Scognamillo e Massimo Piacentino. La prima è responsabile regionale Donne Impresa Coldiretti.  Massimo Piacentino è  Delegato regionale Giovani Imprenditori Coldiretti. Allo stesso tavolo Alessandro Lanza che ha fatto gli onori di casa. Ad apertura dei lavori, Lanza ha detto: “In questo momento di crisi, come si potrebbe parlare ai giovani? Lo scopo primario della nostra attività è mettere al centro l’uomo. Da cattolici ci impegniamo nel settore agricoltura che è la vocazione primaria della nostra terra”. Alessandro Lanza ha poi evidenziato alcuni punti di forza ma anche di debolezza. Tra i secondi, le condizioni climatiche e la carenza di acqua oltre alla burocrazia. Tutto questo, spesso, porta all’emigrazione. Margherita Scognamillo ha fatto l’excursus della sua vita; da impiegata al Ministero dell’Interno, a bancaria per approdare, infine, al mondo dell’agricoltura. Quest’ultimo passaggio l’ha portata a curare la sua azienda agricola con vigneti, uliveti ed agriturismo. “A questa esperienza mi sento di appartenere”, ha detto la Scognamillo. E ha continuato: “È necessario puntare anche sul turismo rurale e inventarsi servizi, occasioni e possibilità che attraggano i turisti”. Ha poi detto che ha puntato, nella sua azienda, all’agriturismo al biologico e alla coltura del melograno. Ha poi detto che nel progetto agricoltura sono state coinvolte le scuole con l’obiettivo di consumare prodotti genuini “tracciati”. “In questa mia attività – ha continuato la Scognamillo – la Coldiretti, che ha conservato le origini cristiane, mi è stata molto vicina. La Sicilia ha numerose potenzialità su cui bisogna puntare tanto”. Lei ha poi parlato degli agrichef e della riscoperta di prodotti della terra genuini come le borragini. Gli agrichef sono gli stessi contadini che coltivano e poi preparano, cucinano e portano a tavola i prodotti della terra coltivati da loro stessi. “Bisogna dare agli agricoltori – ha continuato la Scognamillo – la possibilità di valorizzare i prodotti della terra attraverso ricette tradizionali e innovative”. Margherita Scognamillo ha poi puntato l’attenzione sulla imprenditoria femminile. E ha concluso: “In agricoltura si giocano grandi partite e bisogna entrare in una nuova logica”. Massimo Piacentini: “Il settore agricoltura offre una serie innumerevole di attività tra cui anche l’agricoltura sociale”. Ha poi parlato della legge di bilancio 2018 che offre la possibilità della vendita diretta di prodotti manipolati e trasformati e pronti per il consumo con strutture mobili come gli street food. Ha poi detto che bisogna sviluppare la multifunzionalità attraverso cui parte una rete di mercato che ha circa 4 miliardi di euro di fatturato. “È l’agorà del cibo del territorio grazie ai mercati che diventano punti di aggregazione”, ha detto ancora Massimo Piacentini. Durante la serata presentata “Oscar Green la terra delle idee” che si occupa della apicoltura da tanto tempo. Al termine della convention, Alessandro Lanza ha donato, ad ognuno dei due relatori, un libro sulle tradizioni di Barrafranca scritto da Salvatore Licata e da Carmelo Orofino. GAETANO MILINO

You may also like

PIETRAPERZIA. Celebrata la giornata della Legalità. Quattro alberi intitolati ad altrettanti giudici uccisi dalla mafia.

La manifestazione, nella mattinata di martedì 28 maggio