PIAZZA ARMERINA. Arrestate tre persone responsabili di furto aggravato in un bar del centro a mezzo “spaccata”.

PIAZZA ARMERINA. Arrestate tre persone responsabili di furto aggravato in un bar del centro a mezzo “spaccata”.

PIAZZA ARMERINA. I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Piazza Armerina, nel corso di un predisposto servizio teso a contrastare il fenomeno dei furti, hanno arrestato tre uomini. Si tratta di Danilo MANCUSO di anni 30, Vincenzo RUSSO di anni 28 e Giuseppe PRIVITELLI di anni 26, tutti residenti a Barrafranca. Secondo l’accusa, sarebbero responsabili in concorso tra loro di furto aggravato. I tre, la notte scorsa, dopo aver rubato a Barrafranca una Fiat “Panda”, “si recavano – si legge in un comunicato stampa del comando provinciale carabinieri di Enna – nel Comune di Piazza Armerina e utilizzavano l’automobile come ariete per sfondare la porta d’ingresso del Bar “Caffetteria Marconi”, asportando una macchinetta cambia monete”. Immediate ricerche consentivano ai militari dell’Arma di rintracciare e sorprendere i predetti in un podere sito in Contrada Monte Navone, sempre nel territorio del Comune di Piazza Armerina, mentre erano intenti a tagliare le lamiere della macchinetta, utilizzando vari attrezzi. Tutto il materiale ritrovato dai carabinieri è stato sottoposto a sequestro, mentre il denaro recuperato, che ammonta a circa 4.500 euro, è stato restituito al legittimo proprietario. Anche la Fiat “Panda”, utilizzata permettere a segno il furto, veniva recuperata e sottoposta a sequestro. Dopo le formalità di rito, i tre uomini sono stati accompagnati dagli stessi carabinieri presso le loro rispettive abitazioni in regime di arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida con rito direttissimo. GAETANO MILINO

Previous PIETRAPERZIA. Grande successo alla mostra fotografica “Fasci di Luce”.
Next Barrafranca. ULTIMORA - Altri arresti, salgono a 5 le persone arrestate, conferenza stampa alle 11