ENNA. La città di Enna ha conosciuto il pluricampione paraolimpico Daniele Cassioli.

 ENNA. Venerdì 22 febbraio la città di Enna ha avuto il piacere di conoscere un uomo speciale che ha regalato forti emozioni, il trentaduenne Daniele Cassioli, cieco dalla nascita, pluricampione paraolimpico nella specialità dello Sci Nautico. La sua presenza è stata voluta dal Panathlon Club di Enna presieduto dal Professore Nanni Di Mario ed in particolare dal socio panatleta Giovanni Sacco, ex sciatore e responsabile del Circolo Nautico “Tre laghi” di Enna che aveva già ospitato Daniele nei mesi scorsi al lago Nicoletti, sede del club. Nella giornata di venerdì, incontrando una moltitudine di persone di tutte le età, da grande motivatore, ha trasmesso messaggi di positività nell’affrontare i problemi che ogni giorno tutti devono superare pur non avendo alcuna disabilità. “Ognuno ha il suo “vento contro” -afferma Daniele nei suoi vari incontri – ma l’importante è guardare sempre oltre e superare gli ostacoli che ogni giorno la vita ci propina. La forza per oltrepassare i nostri limiti è già dentro di noi e bisogna riuscire a riconoscerla e tirarla fuori”. Daniele è riuscito a fare ciò grazie allo sport che è stato e continua ad essere l’elemento cardine della sua vita che adesso affronta con grande serenità.

La sua esperienza e le sue emozioni vengono raccontate nel suo romanzo autobiografico “il vento contro” i cui proventi andranno alla Onlus da lui fondata, che si occupa della promozione dello sport per i bambini con disabilità alla vista.  Accompagnato dal suo amico giornalista Cesare Zanotto la mattinata è iniziata nella chiesa di San Cataldo, gremita di alunni del Liceo Scientifico, dove è stato accolto dal parroco Don Giuseppe Rugolo e dal vice Presidente del Distretto Italia nonché vice Governatore del Distretto Panathlon Sicilia Roberto Pregadio; al termine si è trasferito presso l’Auditorium della facoltà di Ingegneria dell’ Università Kore di Enna, anch’esso stipato in ogni posto dagli alunni delle altre scuole superiori della città dove, il Presidente della Scuola di Scienze Motorie professore Mario Lipoma e il Presidente del Panathlon di Enna professore Nanni Di Mario, lo attendevano. Daniele, presentato alla platea dalla giovanissima campionessa di Sci Nautico ennese Arianna Sacco, ha raccontato come, tramite lo sport, sia riuscito a trasformare la sua disabilità in una grande opportunità di vita e con grande senso di autoironia e positività ha risposto alle innumerevoli domande che gli sono state rivolte.

I traguardi raggiunti nello Sci Nautico sono infatti straordinari: 22 titoli mondiali, 25 titoli europei, detentore del record del mondo nelle specialità di Slalom, Figure e Salto, al punto da essere considerato il miglior atleta paraolimpico italiano di tutti i tempi. La sua voglia di mettersi in gioco continua ad essere così tanta che, già da domenica 24 febbraio, inizierà una nuova avventura sportiva con la convocazione della AC Crema calcio non vedenti. Essendo inoltre Daniele testimonial nazionale di Telethon e dell’Avis, al termine della mattinata, ha visitato il Centro Trasfusionale dell’Ospedale Umberto I° di Enna dove ha incontrato, il responsabile Francesco Spedale, la Presidente dell’Avis Giulia Buono, le volontarie e i medici presenti nel reparto che gli hanno voluto donare una targa ricordo.

Nel pomeriggio, nel salone della Parrocchia di San Cataldo, ha ricevuto il saluto della città da parte dell’assessore allo sport Dante Ferrari; erano presenti le associazioni, i Club Service e quanti hanno accolto l’invito ricevuto. E’ stato inoltre intervistato da Rai 3, e dalla locale radio “Bedda Radio” in diretta streaming. Conclude la lunga e intensa giornata ennese, incontrando in serata i soci del Panathlon. Dopo l’intervento, ha dichiarato: “Questa giornata è stata veramente emozionante, avere incontrato tanti giovani per me è gratificante in quanto trasmettere la mia esperienza a loro è il mio principale obiettivo. Ringrazio il Panathlon di Enna per avermi dato questa opportunità che sicuramente ricorderò nel tempo”. “Oggi abbiamo trascorso una giornata in compagnia di uomo di immane sensibilità e atleta straordinario che ha arricchito e scolpito con le sue parole il cuore di tutti noi. Daniele grazie per averci dato la possibilità di conoscerti!”, ha commentato Nanni Di Mario nel suo intervento conclusivo della serata. GAETANO MILINO

Previous Barrafranca. Immigrato tratto in arresto per detenzione di sostanza stupefacente
Next Il Salotto artistico-letterario “Civico 49” ospita l’artista barrese Carmelo Sentito