Convention a Pietraperzia alla scoperta della “Grotta del Lampo”

Convention a Pietraperzia alla scoperta della “Grotta del Lampo”

- in Attualità, Pietraperzia

Tale “attrattiva turistica” è conosciuta anche con “Grutta du Lampu “ e “Occhio della Balena”. È situata in un costone roccioso del sito archeologico “Rocche”. Il prossimo 5 maggio alle 18 una convention al chiostro ex convento di Santa Maria di Gesù di piazza Vittorio Emanuele, 2. L’incontro sul tema “La cavità solstiziale della Grotta del Lampo di contrada Rocche a Pietraperzia e monumenti analoghi in Sicilia. Aspettando il 21 giugno”. Ad organizzare il tutto la Pro Loco di Pietraperzia, presidente il geologo Salvatore Palascino. Ci sarà il patrocinio del Comune di Pietraperzia e dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Enna. L’evento sarà patrocinato pure dei periti industriali, laureati e non, della provincia di Enna. Partecipano pure “Amici della Biblioteca” di Pietraperzia oltre a Circolo di Cultura, Pro Loco ed Uciim di Barrafranca e la Società di Storia Patria della Sicilia Centro-Meridionale di Piazza Armerina. Ad apertura dei lavori, indirizzi di saluto da Salvatore Palascino (presidente Pro Loco di Pietraperzia), Antonio Bevilacqua (sindaco di Pietraperzia) e Fabio Accardi (sindaco di Barrafranca). Gli interventi da parte dello storico Liborio Centonze, dei professori Ferdinando Maurici e Alberto Scuderi e dell’architetto Pasquale Ingala. Centonze parlerà di “”La cavità solstiziale della Grotta del Lampo contrada “Rocche”, Pietraperzia. Ferdinando Maurici e Alberto Scuderi tratteranno “I monumenti solstiziali in Sicilia”. Pasquale Ingala affronterà il tema”Architettura nel paesaggio: l’isola nell’isola”. Intanto lo storico Liborio Centonze dichiara: “Il 21 giugno, dalle 7,12 alle 8,20, tutti in contrada Rocche per vedere da vicino il diamante del calendario solare megalitico – volgarmente conosciuto come ‘Occhio della Balena’ oppure ‘A Grutta Du Lampu’.” La cattura dei raggi solari – conclude Liborio Centonze – avveniva in un punto ben preciso dove i megalitici erigevano un dolmen, o pietra fallica”. “Attorno ad essa – conclude lo storico barrese – avvenivano tutti i riti per osannare la fertilità”. GAETANO MILINO

You may also like

PIETRAPERZIA. Emozione e raccoglimento alla commemorazione del carabiniere Gaspare Farulla.

L’eroico carabiniere – Medaglia d’Argento al Valore Militare