Il Salotto artistico- letterario “Civico 49” incontra per la seconda volta il prof. Fabio Accardi, sindaco di Barrafranca

Il Salotto artistico- letterario “Civico 49” incontra per la seconda volta il prof. Fabio Accardi, sindaco di Barrafranca

Come già programmato nel primo incontro del giugno 2017, giovedì 15 febbraio 2018 il Salotto artistico- letterario “Civico 49” di Barrafranca (EN) ha incontrato per la seconda volta il Sindaco di Barrafranca prof. Fabio Accardi. L’incontro è nato dalla volontà di verificare cosa è stato fatto e quali problemi hanno trovato soluzione tra quelli proposti e affrontati nella prima riunione. Tanti i punti previsti in scaletta, anche se alcuni non sono stati affrontati, in quanto il Sindaco è andato via prima per recarsi a Pietraperzia (EN) e partecipare alla celebrazione eucaristica svoltasi in Chiesa Madre e presieduta dal vescovo di Piazza Armerina mons. Rosario Gisana,  in risposta al grave attentato di qualche giorno fa alla casa canonica della suddetta cittadina che sta ospitando 20 immigrati affidati all’associazione “Don bosco 2000”.

Ecco alcuni dei punti affrontati:

– Evasione fiscale. E’ ancora alta a Barrafranca l’evasione fiscale di chi non paga i tributi dovuti al Comune. Grazie a questa amministrazione, spiega il Sindaco, è il 45% dei cittadini a pagare le tasse, mentre prima erano solo il 25%. La riscossione dei tributi nei confronti di chi non ha mai pagato o non paga da diversi anni, è stata affidata a un’azienda esterna. Inoltre si sta sperimentando, per andare in contro agli inadempienti, la rateizzazione delle tasse dovute. Si stanno controllando anche gli allacci abusivi. Per quanto riguarda la rete idrica, che è molto fatiscente, il Comune sta cercando di sistemare gli impianti.

– Accoglienza dei migranti. Problema spinoso e delicato, che ancora non è stato affrontato. Per il momento in paese è tutto fermo in attesa della presentazione di progetti di accoglienza da parte di soggetti privati. Inoltre bisognerebbe sensibilizzare in maniera adeguata la cittadinanza.  Il Sindaco ha espresso la sua indignazione e preoccupazione per i fatti incresciosi successi a Pietraperzia contro la sede che accoglie 20 immigrati, arrivati da poco nel paese.

– Restauro della chiesa di san Benedetto, i cui lavori di consolidamento sono stati sospesi. Il Sindaco ha spiegato che il comune è gestore solo del finanziamento dei lavori, poiché la Chiesa è di proprietà del FEC, il Fondo Edifici di Culto, un’ente del Ministero dell’Interno.  Per quanto riguarda la sospensione ha spiegato che purtroppo le ditte interessate hanno avuto problemi e di conseguenza i lavori sono stati bloccati. Sono state chieste anche notizie riguardo il restauro dell’antica  tela dell’Assunzione che si trova nella nicchia dell’altare maggiore. All’inizio dei lavori le ditte, imprudentemente, hanno montato delle impalcature proprio accanto alla tela, per cui non è possibile scenderla e portarla a restaurare. Solo per scendere e smontare il dipinto  la spesa sarà di 1500 euro.

– Problema  “buche” presenti nel manto stradale di molte vie del paese. Rispetto alla riunione precedente, alcune buche sono state riempite e parte del manto stradale è stato asfaltato. Questo in realtà è avvenuto sono in alcune strade secondarie e principali, anche se il problema continua a sussistere. La scelta della strade da sistemare, spiega il Sindaco, dipende dalla segnalazione che viene presentata al Comune dai cittadini. Inoltre sta continuando la sistemazione del campo sportivo

– Decoro urbano. E’ stato chiesto cosa il Comune stia facendo per dare un maggior decoro al paese. Il Sindaco ha promesso che saranno montati più cestini e tenute più pulite le strade. Ci sarà anche un maggiore interesse verso il verde pubblico. Difatti è stato già attivato il progetto  “adottare il verde pubblico” rivolto a quei cittadini che voglio adottare una parte del verde cittadino.

– Raccolta “differenziata”. Allo stato attuale non è ancora partita, a causa di problemi finanziari e burocratici.

Randagismo. In questo momento, spiega il Sindaco, non si può parlare di randagismo, ma di casi isolati di cani presenti in alcuni quartieri. Vengono chiamati “Cani di quartiere” perchè ormai si sono abituati a quella zona e sono riusciti a farsi accettare dai residenti.

–  Problema dei parcheggi. Per ovviare al problema dei parcheggi e del difficile transito su alcune strade, l’Amministrazione ha proposto di istituire le strisce “blu”, in via sperimentale. Non sono state realizzate  poiché non si è trovato ancora un accordo tra le diverse parti politiche.

E’ stato chiesto di preparare una mappatura dei beni artistici e archeologici di Barrafranca. Questo sarà difficile da farsi per la scarsità finanziaria delle Casse Comunali.

Il Salotto ha chiesto al Sindaco un nuovo incontro per affrontare le problematiche non trattate. Il Sindaco ha accettato e a breve ci sarà una terza riunione. Al termine della serata, il padrone di casa, Gaetano Vicari, ha donato al sindaco un libro come ricordo della serata.

Rita Bevilacqua

 

Previous Unimpresa propone la "Cura", 5 anni con l'Italia al centro
Next Serve una Barrese Super per battere la capolista Bronte