Pietraperzia. Il sindaco Antonio Bevilacqua spiega l’ordinanza che vieta la vendita per asporto di bevande in bottiglie di vetro

Pietraperzia. Il sindaco Antonio Bevilacqua spiega l’ordinanza che vieta la vendita per asporto di bevande in bottiglie di vetro

Il divieto per evitare di calpestare bottiglie e lattine e di ferirsi oltre che per il decoro urbano. “Emessa ordinanza che vieta la vendita per “asporto” di bevande contenute in bottiglie di vetro e in lattine di alluminio. Qual è il significato di questa ordinanza?”. È quanto si legge in face book Comune di Pietraperzia. “Basterebbe leggere l’ordinanza o l’articolo allegato – scrive ancora il sindaco Antonio Bevilacqua – per capire il contenuto del divieto”. E continua: “Ma, dato che “i soliti noti” in malafede stanno alimentando inutili polemiche, mettendo in giro falsità che rischiano di creare solo confusione, occorre scrivere due paroline di accompagnamento. L’ordinanza emessa la scorsa settimana vieta, fino al prossimo 8 settembre dalle ore 21:00 fino alle 24:00, la vendita e il consumo “presso luoghi pubblici” di bevande in bottiglie di vetro o lattine di alluminio”. “Questo soprattutto – aggiunge il sindaco di Pietraperzia – perché, dato l’alto rischio che tali bottiglie e lattine possano essere abbandonate per la strada durante gli eventi pubblici e data la presenza di molte persone e di bambini, vi è il rischio di calpestarle e ferirsi”. “Quindi, ad essere vietata – scrive ancora il sindaco di Pietraperzia Antonio Bevilacqua – è la vendita e il consumo di bevande in bottiglie di vetro o lattine di alluminio solo nelle aree pubbliche. Quindi è possibilissimo: continuare a vendere bevande ai clienti che occupino i tavoli delle attività”. E conclude: “È possibile continuare a vendere bevande anche se destinate al consumo fuori dall’attività, ma a condizione che vengano versati in bicchieri di plastica”. GAETANO MILINO

Previous Barrafranca diventa il Comune 2.0 grazie all'utilizzo del magnetofono. Il sindaco Accardi: "Con questo servizio abbiamo ottenuto un risparmio di costi garantendo al contempo una maggiore trasparenza"
Next Alla Kore la tesi più meritevole dell’anno