VIA CRUCIS nel cortile del plesso Don Milani di Barrafranca

VIA CRUCIS nel cortile del plesso Don Milani di Barrafranca

Come ormai succeda da anni nella giornata del Mercoledì Santo, ultimo giorno di scuola prima della pausa pasquale, la scuola secondaria di primo grado Don Milani dell’Istituto Comprensivo “S.G. Bosco” di Barrafranca (EN), diretto dal dott. Filippo Aleo, organizza nel cortile della scuola una VIA CRUCIS. Così mercoledì 12 aprile 2017 alle ore 11.00 nel cortile della suddetta scuola si sono ritrovati tutti gli alunni del plesso Don Milani e le classi quinte dell’Istituto Comprensivo “S. G. Bosco”, accompagnati dalle loro insegnanti, per assistere al rito della VIA CRUCIS, organizzato dalla prof.ssa Rina Dangelo e dalla prof. Cristina La Monica, coadiuvate dalle loro colleghe  e dal personale ATA, che si occupa della parte scenografica e musicale. Le stazioni sono dei pannelli realizzati da ex alunni della Don Milani nel 2009, raffiguranti i momenti dolorosi di Cristo mentre si avvia al Golgota, con l’aggiunta del 15° pannello quello sulla Resurrezione. Questo perché la preghiera cristiana nella contemplazione della passione non può fermarsi alla morte, ma deve guardare al di là, alla risurrezione. Cristo è morto proprio per Risorgere: questo è il senso della sua morte.  La VIA CRUCIS è stata presieduta da don Giacomo Zangara, parroco della chiesa Madre di Barrafranca e insegnante di religione nel suddetto plesso. I ragazzi a turno hanno portato la Croce mentre alcuni di loro hanno letto meditazioni e preghiere, intercalate da canti quaresimali. Al termine della benedizione impartita da don Giacomo, dei ragazzi con a capo Simone Bonelli, alunno della scuola Don Milani, hanno eseguito alcuni lamenti, in dialetto barrese, che caratterizzano il Venerdì Santo. E’ stato un momento di riflessione sul senso della morte, vista come preludio alla vita, alla “Vita Nuova” che la Resurrezione di Cristo porta ad ogni cristiano!

Rita Bevilacqua

Video di Renato Pinnisi.

 

 

You may also like

ASP Enna. Piano per le ondate di calore

In linea con il “Piano Regionale per la