Il Salotto artistico-letterario “Civico 49” accoglie lo scultore barrese Giuseppe Bevilacqua

Il Salotto artistico-letterario “Civico 49” accoglie lo scultore barrese Giuseppe Bevilacqua

Lo scultore barrese Liborio Giuseppe Bevilacqua

Nella riunione di giovedì 19 gennaio 2017 il Salotto artistico-letterario “Civico 49” si è arricchito di un nuovo membro: lo scultore barrese Liborio Giuseppe Bevilacqua. Ha presentarlo al Salotto il padrone di casa Gaetano Vicari, che ne ha tracciato il percorso artistico.

Liborio Giuseppe Bevilacqua vive e lavora a Barrafranca. Da anni si dedica all’espressione figurativa, attraverso l’impiego di tecniche e materiali diversi. Ha partecipato, con le sue opere raffiguranti i personaggi della mitologia greca, a numerose mostre personali e collettive, nelle quali ha dato modo al numeroso pubblico partecipante di godere delle sue realizzazioni plastiche a tutto tondo realizzate con la tecnica della terracotta plasmata a mano e caratterizzate da un minuzioso approfondimento dei particolari. Costruttore di grandi carri allegorici sin dall’inizio degli anni ottanta, quando ha partecipato, ha vinto in quasi tutte le edizioni del carnevale centro siculo e in quelle di numerosi altri comuni. Tra i suoi lavori anche l’illustrazione di due libri del compianto scrittore e poeta Don Alessandro Bernunzo Privitelli: “Prima che faccia notte” e “Il podestà ed altri racconti”. L’ultima opera realizzata, nata dalla collaborazione con il G. S. Arcobaleno è la “Passio Pellegrini”. Quindici gruppi scultorei rappresentanti la “Via Crucis” ognuno dei quali comprende sette personaggi per un totale di ben centocinque statue, collocate dalla Pasqua del 2012 nelle vie cittadine di Barrafranca

Bellerofonte, scultura in argilla

e per la cui esecuzione l’artista è stato tenuto impegnato per quattro anni. Da tempo ha lanciato l’idea di un grande presepe monumentale, che possa essere visitabile tutto l’anno.

Al Salotto il Bevilacqua ha presentato la scultura dal titolo Bellerofonte, l’eroe greco che uccise la Chimera e alcune sculture rappresentanti i Re Magi, provenienti dai due Presepi che ha realizzato. Entusiasti i partecipanti nel poter ammirare opere di così pregevole fattura, nati da un grande amore per l’arte. La sua capacità di trasformare la materia grezza in pregevoli rappresentazioni, lo ha reso  molto conosciuto e apprezzato nell’ambiente culturale barrese e non.

Il Salotto artistico-letterario continua ad arricchirsi di nuovi membri, selezionati tra le persone più rappresentative del panorama culturale barrese e non.

Rita Bevilacqua

 

 

Previous Luigi Bonincontro vince il concorso nazionale "Gubbio è Natale"
Next Valguarnera: denunciate tre persone per l’incendio di tre autovetture e per un furto aggravato di carburante