I sindaci in dissesto a Barrafranca

I 20 comuni siciliani che sono in dissesto e che rappresentano poco meno una popolazione di 400mila unità si sono riuniti ieri nella sala consiliare di Barrafranca, “Rosario Lanza” su iniziativa del sindaco Fabio Accardi e  il comune di Caltagirone con l’assessore al bilancio, Massimo Giaconia. Questi i comuni rappresentati ieri durante l’incontro: Barrafranca, Caltagirone, Brolo, Acate, Mussomeli, Palagonia, Bagheria, Lentini, Carini, Mirabella Imbaccari, Casteltermini, Porto Empedocle,

Castelvetrano, Salaparuta. Oltre alle casse comunali che sono in “rosso” nella maggior parte dei comuni quello che alcuni sindaci e assessori al bilancio hanno evidenziato è che vi è una grossa percentuale di tributi non riscossi. Ma è emerso che le istituzioni aiutino i comuni in difficoltà perchè si trovano in un momento particolare e con poca liquidità. Sul tavolo la questione dei dipendenti, i precari, il servizio dei rifiuti e anche il basso livello di riscossione. I venti comuni hanno trovato appoggio anche dall’Anci Sicilia. I rappresentanti dei comuni hanno elaborato un documento da inviare al governo regionale e nazionale. Intanto il prossimo incontro – così è stato deciso dai sindaci – sarà a Mussomeli.

Previous Week-end contro la violenza di genere a Barrafranca e Sortino con la presenza di Giusy De Paola
Next Festa in onore del Beato Giacomo Alberione, parrocchia Santa Famiglia di Nazareth