Problema rifiuti, “Pietraperzia non pagherà i maggiori costi di conferimento”

Problema rifiuti, “Pietraperzia non pagherà i maggiori costi di conferimento”





“Chiuso l’impianto di compostaggio.  Il comune di Pietraperzia non pagherà i maggiori costi di conferimento”. Nota ufficiale dell’amministrazione comunale attraverso il primo cittadino Antonio Calogero Bevilacqua.

“In questi giorni – afferma l’assessore Michele Laplaca – si assiste a grossi disservizi nella raccolta dei rifiuti. Si tratta, purtroppo, di una triste costante da quando il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti è stato affidato ad un’unica società per tutti i comuni dell’ennese. Si tratta, come tutti sanno dell’ATO EnnaEuno, società che ha prodotto troppi sprechi e pochi servizi”.

“Nel Comune di Pietraperzia – dichiara l’assessore Laura Corvo – nel solo mese di agosto grazie all’avvio della raccolta differenziata si è avuta una riduzione dei costi di oltre € 6.000 grazie alla grande collaborazione dei cittadini ed all’eccellente lavoro degli operatori di cantiere”.

“Tutto questo – continua Laura Corvo – rischia oggi di vanificarsi a causa di problemi gestionali a cui la società non riesce a fare fronte. Al riguardo il Sindaco ha messo nero su bianco che i nuovi sprechi non potranno essere addebitati ai Pietrini. Se, infatti, Pietraperzia continuerà a differenziare, l’eventuale mancanza di risparmi non potrà essere addebitata ai cittadini in bolletta ma dovrà essere addebitata a quanti, Commissario e impiegati ATO, non hanno saputo trovare soluzioni per recuperare il materiale differenziato”.

“L’invito ai cittadini – conclude il sindaco Antonio Calogero Bevilacqua – è quello di continuare a differenziare, solo così potremo far valere le nostre ragioni nelle sedi appropriate. Della vasta problematica ho reso edotto la dott.ssa Sonia Alfano, il dirigente dell’Ato ing. Roberto Palumbo, il responsabile dell’Ata Sud Ing.  Antonio Lanza, collegio liquidazione Ato, presidente della Regione Rosario Crocetta, prefetto di i Enna Maria Rita Leonardi, dirigente regionale ing. Giuseppe  Pirillo.



Previous In piazza Regina Margherita i volontari di Aisla per raccogliere un "Contributo versato con gusto"
Next Grave disagio per i precari della ex provincia regionale di Enna