Incendio di rifiuti nella zona sud del cimitero. Bloccato, anche se per poco, il traffico veicolare della SS191

Incendio di rifiuti nella zona sud del cimitero. Bloccato, anche se per poco, il traffico veicolare della SS191




Nonostante questi giorni si stesse facendo un cambio di rotta per liberare i cumuli di rifiuti nelle zone di periferia, pomeriggio qualcuno ha dato fuoco agli ultimi cumuli di immondizia nella zona sud del cimitero vicino la SS 191 strada che collega Barrafranca a Mazzarino. Era da due giorni che gli operatori stavano facendo un lavoro di bonifica nelle zone in cui insistono discariche abusive e cumuli di rifiuti. Sul posto i vigili del fuoco, carabinieri (impegnati anche in altri punti del paese con la protezione civile), e gli agenti della polizia municipale che hanno controllato il traffico veicolare.
A commentare il tutto, in modo esaustivo e con poche parole, un giovane barrese, Luca Nicolosi, il quale sui social network commenta così: “Che spettacolo di nube mai vista!!!!! Forse meglio non vederla?? Sarà una nube tossica… ve la presento: diossina”. Anche il neosindaco Accardi è stato vicino ai cumuli di rifiuti andati in fumo ed è da giorni che stava seguendo il lavoro intenso degli operatori ecologici. Ma il problema è che oltre all’immondizia sono andati a fuoco, a quanto sembra, rifiuti speciali tra cui copertoni di auto e altro materiale.
Ecco le parole sui social network ancora del giovane Nicolosi il cui sfogo equivale alla rabbia di una comunità intera e su cui ognuno dovrebbe riflettere (soprattutto anche chi ha dato alle fiamme i rifiuti): “QUELLO CHE BRUCIATE NON È L’IMMONDIZIA, GENTE, MA IL VOSTRO PICCOLO PAESE. MI CHIEDO… MA BRUCIANDOLA COSA SI RISOLVE??? (IL DANNO È 200 VOLTE SUPERIORE ALLA “TONNELLATA” DI IMMONDIZIA ACCUMULATA….). Ah, forse sono arrivato alla CONCLUSIONE: MENO IMMONDIZIA DA RACCOGLIERE. ECCO IL SUCCO”.




Previous Il barrese Bruno Giammusso eletto presidente della commissione scientifica della società italiana di andrologia (SIA)
Next Lotteria di Primavera Aisa 2016: ecco i numeri che si aggiudicano i dieci premi in palio