Giovani e adulti nell’incontro di formazione con il giovane missionario colombiano, padre Juan Pablo

Giovani e adulti nell’incontro di formazione con il giovane missionario colombiano, padre Juan Pablo




Momenti di preghiera alternati ad attività di formazione nel segno del vangelo e secondo il volere di Maria Teresa di Calcutta da parte del “Movimento Ho sete”. Giovani e adulti barresi hanno accolto il missionario della carità, padre Juan Pablo, colombiano di origine, e che fa parte della comunità di sacerdoti fondata dalla Beata Teresa di Calcutta e ai momenti di condivisione fraterna se ne sono alternati altri per formare ed accrescere il movimento, il più numeroso di tutta l’Europa. “ Siamo animati dallo Spirito Santo – afferma Juan Pablo – per le nostre opere di carità ma dobbiamo sempre essere operatori di pace, portando le parole del Vangelo tra la gente”. I numerosi partecipanti hanno assistito anche alla funzione religiosa nel centro missionario del Sacro Cuore di viale Signore Ritrovato: ad officiare la messa sono stati padre Mosè, padre Juan Pablo, frà DeoGratias Maneno, missionario dei Servi del Figlio di Dio e il diacono Ghislei. I giovani che hanno partecipato ai vari incontri sono Simone La Pusata, Isabella Bevilacqua, Andrea Torre, Giovanni Bevilacqua, Daniele Asaresi, Gioele Giunta, Giovanni Bevilacqua, Angelo Marotta, Noemi Di Prima, Giuseppe Cucchiara, Sofia Bevilacqua e Dario Di Tullio; hanno partecipato anche alcuni adulti come Fabrizio Bevilacqua, Rosa Lio, Alfonsina Strazzanti, Nicoletta Paternò, Rosetta Ingala e Borina Messana. Il responsabile del gruppo locale Rosario Caputo, si è ritenuto soddisfatto dell’iniziativa, e grazie a diversi giovani, età compresa tra i 12 e 17 anni, dirige anche con grandi sacrifici, l’ “Oratorio della Speranza”, aperto tre volte a settimana, ubicato nel salone della chiesa Itria e dove i numerosi volontari svolgono il prezioso servizio di apostolato.




Previous Era una serata danzante organizzata per i soci: assolto Giuseppe Paternò
Next Il neosindaco Fabio Accardi: "Voglio dimostrare di essere il sindaco della concordia perché solo mettendoci assieme possiamo risolvere i problemi della comunità"