Le preferenze di tutti i candidati a sindaco e consiglieri. In consiglio una larga maggioranza di quote rosa

Le preferenze di tutti i candidati a sindaco e consiglieri. In consiglio una larga maggioranza di quote rosa




Il candidato a sindaco Fabio Accardi vince le elezioni amministrative con la sua coalizione. A seguire il candidato del M5S Salvatore Centonze e poi via via la coalizione di Angelo Ferrigno e la lista civica di Giovanni Di Dio. Chi ha ottenuto i maggior numero di voti inerente alla lista è quella del Movimento 5 Stelle con 1635 voti (il 20,2%). A seguire le tre liste della coalizione del neosindaco Accardi (Pd, Udc, Sicilia Futura) con oltre il migliaio di voti per ogni lista. A seguire con meno di mille tutte le altre liste. La coalizione di Accardi conquista 10 seggi mentre l’opposizione conquista 6 seggi ( 3 M5S, 1 Lista Crocetta, 1 Sicilia Democratica e 1 Idea Comune). Ecco le preferenze per i sindaci e per i candidati al consiglio comunale.
Fabio Accardi (coalizione PD- Unione di Centro – Sicilia Futura) ottiene 2507 preferenze con il 34,5%.
Partito Democratico ( 1330 voti di lista pari al 16,5%): Vanessa Alessi Batù 285, Salvatore Bevilacqua 225, Franca Bonanno 34, Giuseppina Costa 21, Egidio Giuseppe Cumia 72, Kevin Cumia (detto Kevin) 284, Jessica Curatolo (detta Pipina) 233, Antonio Di Blasi 52, Stella Giunta 35, Maria Lo Curto 183, Lucia Mingoia 167, Giuseppe Pilumeli 28, Salvatore Spataro 161, Alfonso Stivale 4, Giuseppe Vetriolo 257.
Sicilia Futura ( 1087 voti di lista pari al 13,5%): Aldo Bonaffini 263, Bruna Bonfirraro 1, Concetta Maria Bongiovì 44, Claudio Santi Collura (indipendente) 30, Gaetano Di Dio 0, Fabrizio Ferrigno 379, Danila Flammà (indipendente) 322, Ersilia La Zia 110, Salvatore Salvaggio 126, Angelo Siciliano 183, Stella Strazzanti 347, Luigi Tambè 8.
Unione di Centro Sicilia ( 1397 voti di lista pari al 17,3%): Giuseppe Davide Barresi 18, Jessica Cappello 55, Ausilia Canu 61, Alessio Giuseppe Costa 33, Salvatore Cumia 405, Melina Paternò 18, Giovanni Patti 342, Clorinda Perri 415, Michela Strazzante 330, Salvatore Angelo Saldigloria 2, Alessandro Tambè detto Alessandro 213, Zaira Vasapolli 6, Lucia Rosanna Aleo 147, Andrea Tambè Filippo 204, Sabrina Bonincontro 4, Salvatore Daniele Razza 3.
Il candidato a sindaco Angelo Ferrigno (coalizione Il Megafono – PSI – Sicilia Democratica) ottiene 1838 preferenze pari al 25,3%.
Il Megafono ( 820 voti di lista pari al 10,2%): Giuseppe Ferrigno 241, Alessandro Ragusa 210, Roberta Ingala 27, Sebastiano Aleo 25, Calogero Spataro 7, Andrea Scivoli 1, Federico Tropea 93, Angela Perri 108, Giuseppe Cannata 20, Michele Munda 22, Anna Marchì 58, Angela Cravotta 25, Anna Lisa Rabita 0, Filippo Spagnuolo 100, Ivan Infurna 13, Ausilia Costa 110.
Partito Socialista Italiano ( 355 voti di lista pari al 4,4%): Boruccio Franco Tomasello 55, Salvatore Mattina 112, Concetta Terranova28, Giuseppe Pellegrino 50, Angelo Giunta 52, Roberto La Zia 10, Loredana Salvaggio 14, Giovanni Strazzanti 12, Fabio Epifanio Asaresi 40, Rosetta Parisi 28, Emanuele Germano Bonincontro 8, Carmelo Milazzo 0, Placida Pepe 25, Piero Cagnino 0, Agata Simonte 22, Barbara Specioso 11.
Sicilia Democratica (769 voti di lista pari al 9,5%) Chiara Aleo 68, Sharon Amaradio, Graziella Bilardi 45, Maria Bonincontro 36, Stella Brizzi 20, Claudio Cucchiara 19, Giuseppe Di Santo 1, Giada Faraci 280, Enzo Ficarra 226, Rosa Gulino 4, Cinzia La Manna 10, Calogero Nicolosi 99, Giovanni Scalia 0, Rosalia Strazzanti 3, Calogero Zuccalà 367.
Salvatore Centonze (Movimento 5 Stelle) ha ottenuto 1960 preferenze pari al 27,0%.
M5S, ( 1635 voti di lista pari al 20,2): Salvatore Centonze 66, Davide Amore 102, Luigi Avola 191, Katia Baglio 299, Jasmine Barresi 208, Erika Concetta Cammarata 141, Valentina Costa 48, Alice Stella Crapanzano 220, Simone La Quatra 68, Giuseppe Mattina 202, Maria Talita Orofino 208, Angelo Pilotta 149, Luigi Siciliano 67, Alessandro Tambè 601, Maria Cristina Tummino 125.
Infine, Giovanni Di Dio (“Idea Comune”) arriva a 955 preferenze pari al 13,2%.
Lista “IdeaComune” ( 683 voti di lista pari al 8,5%): Giovanni Di Dio 310, Benedetta Salamone 142, Salvatore Piazza 57, Letizia Corso 68, Marisella Faraci 129, Debora Giunta 22, Lucia Lupo 43, Angelo Michele Cammalleri 0, Daniela Vanadia 0, Salvatore Puzzo 172, Giuseppe Bellanti 15, Sonia Rosalia Simonte 17, Angelo Flammà 2.




Nelle venti sezioni di domenica si è recato alle urne il 49,5% degli aventi diritto al voto. Su 17126 hanno votato circa la metà, ossia 8470 elettori (4060 maschi e 4410 femmine). Un dato sostanziale dato che nelle passate elezioni il numero dei votanti è stato superiore (9727 su 16920 aventi diritto al voto) con una percentuale del 57,5% ma si votò in due giorni, il 6 e 7 maggio 2012. Invece l’altro ieri i barresi hanno votato soltanto nel giorno di domenica.

“ E’ una straordinaria emozione quello che provo adesso e dopo i risultati che arrivano. Dedico questa vittoria a tutta la mia città. E’ un impegno che assumo con tanta responsabilità”. Queste le parole del neosindaco Fabio Accardi circondato da tanti amici e in attesa delle poche sezioni rimaste e convinto che veramente mancava poco al traguardo. E così è stato. Accardi è stato appoggiato da una coalizione in cui fa parte il Partito Democratico, l’Unione di Centro e Sicilia Futura ed ha ottenuto il 34,5 % delle preferenze, distaccando di 547 voti il candidato a sindaco del M5S, Salvatore Centonze. Oltre ai numeri le figure in consiglio comunale evidenziano la riconferma di ben 7 consiglieri comunali ma anche una quota rosa non indifferente con 7 donne elette per la prima. Sedici sono i consiglieri eletti dopo la diffusione dei dati provvisori da parte dell’Ufficio elettorale del comune. Accardi ha conquistato la maggioranza con 10 seggi ( Clorinda Perri con 415 voti, Salvatore Cumia con 405 preferenze, Giovanni Patti con 342 voti e Michela Strazzante con 330 voti nelle file dell’Udc; poi Vanessa Alessi Batù con 285 voti, Kevin Cumia con 285 voti e Giuseppe Vetriolo con 257 voti nel Pd e infine Fabrizio Ferrigno con 379 preferenze, Stella Strazzanti con 347 voti e Danila Flammà con 322 preferenze. Sei i seggi assegnati all’opposizione con Alessandro Tambè (601 voti), Katia Baglio (299 voti) e Alice Crapanzano (220) del M5S; e poi un seggio per Il Megafono con Giuseppe Ferrigno (241 voti ); uno per “Sicilia Democratica con Calogero Zuccalà (367 preferenze) e infine Giovanni Di Dio con “IdeaComune” (310 preferenze). “ In un momento di emergenza – continua Accardi – c’è bisogno della collaborazione di tutti, e nulla togliendo agli uomini faccio il mio augurio alle new entry delle quote rosa che sono sicuro daranno un input in più a questa amministrazione”. Accardi ha ricevuto gli auguri da parte dei candidati a sindaco Ferrigno e Di Dio e lo ha fatto recandosi nella sede dell’emittente radiofonica e televisiva di RadioLuce.




Previous Tra i candidati a sindaco vince Accardi. Primo tra le otto liste è il Movimento 5 Stelle
Next Arrestato per violazione delle prescrizioni alla sorveglianza speciale