Martinez (RnS) sulla prolusione del cardinale Bagnasco:   “Ridiamo un’anima all’Europa, al lavoro, alla famiglia”

Martinez (RnS) sulla prolusione del cardinale Bagnasco: “Ridiamo un’anima all’Europa, al lavoro, alla famiglia”

Dopo il discorso del Santo Padre Francesco di lunedì 16 maggio, si sono aperti oggi 17 maggio i lavori della 69ª Assemblea Generale della Conferenza Episcopale Italiana, in programma in Vaticano nell’Aula del Sinodo fino a giovedì 19 maggio. Salvatore Martinez, presidente nazionale RnS, commenta la prolusione di apertura del card. Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente della Conferenza Episcopale Italiana:
“Il cardinale Bagnasco – ha dichiarato Salvatore Martinez – rilancia una visione cara a San Giovanni Paolo II, alla fine del secondo Millennio, e oggi fortemente testimoniata da Papa Francesco: costruire un’Europa dello Spirito, che faccia prevalere i popoli sugli stati, le persone sui mercati, l’integrazione sulle distinzioni sociali. Un’Europa che sappia ripartire dall’uomo e non dall’euro, dalla dignità integrale e trascendente di ogni uomo che la abita o che chiede di abitarla, in particolar modo di quanti subiscono l’ingiustizia di esodi forzati. In questa Europa, che non può non guardare con occhi nuovi al Mediterraneo, l’Italia può rappresentare un “presidio di vero umanesimo” e offrire quel “supplemento d’anima” che ridia forza alle passioni civili che si stanno spegnendo soprattutto tra le nuove generazioni, orfani di buone prassi. Non possiamo non rimarcare quanto il Presidente della CEI sottolinea circa l’importanza di una nuova, seria, incisiva attenzione alle “politiche del lavoro”, che trovano nella disoccupazione o nella sottoccupazione una seria minaccia alla tenuta dello stato sociale. Le nostre comunità troppo spesso suppliscono alla mancanza di reddito di tante famiglie che il lavoro hanno perduto e che non trovano o di tanti giovani che sono costretti a realizzare le loro aspettative di futuro sempre più fuori dal nostro Paese. Quanto al tema della “famiglia”, sarà decisivo fare del “Vangelo del matrimonio” e della generatività dei figli in una coppia di sposi una vera “emergenza pastorale”, perché si crei una nuova “cultura della vita” e si determini una decisa inversione di rotta sul piano etico e politico”.
Il RnS è un Movimento ecclesiale che in Italia conta più di 200 mila aderenti, raggruppati in oltre 1.900 gruppi e comunità.

Previous Scadenza per presentare la domanda di iscrizione per gli scrutatori
Next Martinez (RnS) sul discorso del Santo Padre Francesco: “Il “sapore” della vita sacerdotale discende dal primato della vita spirituale”