La Barrese si impone sull’Armerina e spera di uscire dalla zona play out

E' stato il berbu ennese della categoria allievi regionale girone D

BARRESE     1
ARMERINA 0
Barrese: Inglese, Ingala, Gesualdo, Avola, Spagnuolo, Lentini, Strazzanti, Ferrigno, Patti, Paci, Ferrera ( 44’ Vasapolli e dal 75’ Guerreri). A disp.: Mulara, Baiunco, Messina. All.: Valerio Sansone.
Armerina: Cultraro, Noto, Camerino, Minolfi, Lacchiana, Florio, Drago, Garretta (54’ Mililli), Piazza, Anzaldi (44’ Castellana), Imbrosiano. A disp.: Scivoli, Mauceri. All.: Renato Minacapelli.
Arbitro: Francesco Paolo D’Amico.
Reti: 48’ Strazzanti.
Barrafranca. La Barrese conquista tre punti d’oro per tirarsi fuori dalla zona play out contro una tenace formazione dell’Armerina, nella gara valida come quinta giornata di ritorno del massimo campionato giovanile regionale, girone D categoria allievi. Dopo quattro sconfitte consecutive la formazione del tecnico Sansone arriva una vittoria tanto attesa grazie a Salvatore Strazzanti, il quale da un calcio di punizione trova la rete da debita distanza: il centrocampista barrese dai 25 metri sorprende così l’estremo difensore Cultraro.
Cronaca. La prima azione della gara, dopo una fase di studio delle due quadre, è di marca ospite al 17’ quando Camerino poco distante dalla porta non aggancia di testa un assist calibrato dalla tre quarti offensiva di Imbrosiano. I locali prendono le misure a centrocampo con Avola e Ferrigno che smistano palloni e al 21’, sul filo del fuorigioco, è Patti ( suo è anche un tiro alla fine del primo tempo ma Cultraro respinge) il quale da solo davanti al portiere ospite spreca una delle più ghiotte occasioni. La reazione dell’ Armerina di mister Minacapelli non si fa attendere tanto che, al 23’ un colpo di testa di Lacchiana va fuori di poco dallo specchio della porta. La rete locale nella ripresa al 48’ con una prodezza di Strazzanti. Gli ospiti, però, ci provano, a riequilibrare l’incontro prima con Piazza al 53’ e poi ancora Imbrosano al 67’ ma il portiere locale Inglese è chiamato a fare gli straordinari. Nel finale espulso Gesualdo per doppia ammonizione.

Previous L'esibizione di dame e cavalieri per "la recita dei 12 mesi"
Next Un "barrese doc", Carmelo Milazzo con la "maschere più bella e a tema" di Venezia 2016