Il vicecoordinatore provinciale di Fi, Regalbuto: ” Non è possibile che l’Ato nonostante il fallimento promuova i propri dipendenti con aumenti salariali”

Il vicecoordinatore provinciale di Fi, Regalbuto: ” Non è possibile che l’Ato nonostante il fallimento promuova i propri dipendenti con aumenti salariali”

“Per anni abbiamo assistito a disservizi e costi elevati per i rifiuti e nonostante ciò si assiste ancora alla farsa chiamata Ato che si permette il lusso, sempre alle spalle dell’utente, di aumentare il denaro ai propri dipendenti a poche settimane dalla chiusura”. A sostenerlo è il vice coordinatore provinciale di Forza Italia, Giuseppe Regalbuto, il quale critica la promozione di due dipendenti dell’Ato Enna Euno da parte del collegio di liquidazione a cui sarebbero scattati aumenti salariali. Regalbuto mette in evidenza come alcuni abbiano un’idea distorta del diritto al lavoro anche perchè l’assunzione all’Ato non è stata pubblica ma privata; per cui è contraddittorio procedere all’aumento del salario a dipendenti anche se non sono stati assunti con regolare bando di concorso. Già nel 2006 da assessore comunale a Barrafranca, Regalbuto diffidò l’Ato anche se fu motivo di lite con l’allora amministrazione Marchì dato che molti partiti e amministratori “gongolavano” nell’Ato. “ Agii in questo modo – continua Regalbuto – perché il disservizio era ed è all’occhio di tutti e perché i costi sono diventati elevatissimi avendo creato disagio agli onesti cittadini ”. Il vice coordinatore di Fi invierà una nota alla Corte dei Conti e probabilmente alla Procura della Repubblica sulla situazione e il problema Ato. A questo sarà allegata una nota di una sentenza della Corte dei Conti (n. 279 del 2015) secondo cui si da un freno agli amministratori “furbetti”di partecipate a più enti locali quali i comuni. La sentenza evidenzia che i dirigenti o responsabili che fanno parte degli organi interni debbono risarcire con il proprio patrimonio personale le spese sostenute illegittimamente. Una <<responsabilità erariale>> che rientra anche da un comportamento caratterizzato da <<superficialità>>.




Previous Barrafranca, eletto il sindaco dei ragazzi da parte del Consiglio comunale baby.
Next CHIAMATEMI FRANCESCO - IL PAPA DELLA GENTE AL CINEMA GALILEI DI BARRAFRANCA