Giovani FI, Boris Marchì: “Tante proposte avanzate e non portate avanti dalla giunta Lupo, seppur realizzabili senza costi a carico dell’ente”

Giovani FI, Boris Marchì: “Tante proposte avanzate e non portate avanti dalla giunta Lupo, seppur realizzabili senza costi a carico dell’ente”

E’ giunta l’ora di ricostruire Barrafranca!

Il Movimento di Forza Italia Giovani costituitosi soltanto nel luglio del 2014 ha sollecitato l’amministrazione Lupo ad affrontare diverse problematiche con idee fattive ma, come affermano un comunicato dei giovani di Forza Italia, << la nostra classe dirigente, la nostra classe politica tutta non ha voluto portare avanti volutamente nessuna di tutte le nostre iniziative proposte e avanzate, seppur realizzabili al 100% e senza costi a carico dell’Ente>>. Da un anno e mezzo il gruppo giovanile ha costruito istanze nell’interesse di quei giovani che non si arrendono all’idea che nulla può cambiare.
Ma dopo tante proposte (sono ben oltre 17 di cui protocollate al comune di Barrafranca) risulta essere chiaro che si tende sempre più <<ad oscurare i Giovani, le nostre idee per paura e timor che il nostro impegno, l’impegno di tutti i Giovani che si interessano di politica attiva, possa in futuro compromettere la loro elezione, la loro poltrona>>.
Ecco, qui di seguito, le nostre più importanti istanze:

TRASPARENZA POLITICA
Gestione migliore della Cosa Pubblica
Partecipazione attiva della Cittadinanza nelle decisioni politiche

  • Protocollo n°0010387  del 02/09/2014invitammo Amministrazione e Consiglio Comunale a voler tenere in considerazione le proposte che giungevano dal mondo giovanile, perché per una trasparenza politica a 360 gradi, occorreva dare possibilità ai giovani di contribuire all’interesse collettivo.
  • Protocollo n°0001366 del 02/02/2015“INVENTARIO BENI MOBILI ED IMMOBILI”.
    E’ stato chiesto all’Ente di aggiornare e rendere disponibile l’inventario dei beni mobili ed immobili.
    Trasparenza voleva dire anche questo.
  • Protocollo n°0002774 del 09/03/2015“FORMAZIONE AMMINISTRAZIONE OMBRA”, ovvero “collaboratori ombra”, liberi cittadini, resi a conoscenza di tutto ciò che ruota attorno ai nostri Amministratori.
  • Protocollo n°0008505 del 28/07/2015“CONSULTA GIOVANILE PER DARE VOCE AI GIOVANI CHE VOGLIONO RICOSTRUIRE BARRAFRANCA”.
    La Consulta Giovanile è un organo consultivo dell’Amministrazione Comunale che pone i Giovani ad esprimere un loro punto di vista su tutti gli argomenti affrontati dal Consiglio Comunale.
    Tutti i Giovani devono avere possibilità di contribuire al benessere sociale a prescindere dal colore e dall’appartenenza politica, qualora ci fosse.
    La Consulta Giovanile ne avrebbe rappresentato il miglior strumento.
  • Protocollo n°0009385 del 24/08/15RIATTIVARE LE COMMISSIONI COMUNALI ABOLENDO IL GETTONE DI PRESENZA”
    Considerato che li prevede lo Statuto Comunale e che alle stesse spetta il compito di esaminare le proposte di deliberazione e mozioni presentate in Consiglio Comunale, ritenevamo giusto, per una migliore gestione della cosa pubblica, la riattivazione delle Commissioni abolendo il gettone di presenza.
    Inoltre, le stesse dovevano risultare essere produttive ai fini dell’interesse collettivo e non uno strumento per ottenere “permessi”.

PER LE CATEGORIE PRODUTTIVE

  • Protocollo del 08/07/2014ABROGAZIONE IMPOSTA SULLE AFFISSIONI PUBBLICHE”, seppur l’Ente non aveva e non ha potere alcuno di abrogare le imposte, considerata la già oppressiva pressione fiscale, fu chiesto il “congelamento temporaneo” di un’imposta inutile e controproducente.
  • Protocollo del 08/07/2014PROPOSTA DI RIORGANIZZAZIONE DELLA FIERA DELL’ARTIGIANATO, COMMERCIO E AGRICOLTURA” per dare possibilità alle aziende barresi di far conoscere i loro prodotti, con un modello organizzativo che non comportava spese a carico dell’Ente se non l’organizzazione con le sole quote di partecipazioni e relativi sponsor.
  • Protocollo del 22/07/14PROPOSTA MODIFICA ESTATE BARRESE 2014”, al fine di garantire iniziative e manifestazioni estive in luoghi ove vi era presenza di attività commerciali.
  • Protocollo n°0006066 del 26/05/2015RAPPORTO PUBBLICO-PRIVATO
    Viste le condizioni finanziarie dell’ente impossibilitato ad affrontare spese per l’organizzazione di eventi estivi, al fine di garantire spettacoli e manifestazioni alla Cittadinanza è stato proposto di intraprendere un rapporto pubblico-privato, tra Ente e Commercianti affinché le Attività aderenti potessero organizzare iniziative a loro totale carico e l’ente potesse, però, detrarre loro almeno il 70% TOSAP.

PER MIGLIORARE LA QUALITA ’ DEI SERVIZI AI CITTADINI

  • Protocollo n°0009337 del 31/07/2014NUOVO PROGETTO RACCOLTA DIFFERENZIATA” il quale prevedeva l’installazione di piccoli eco-compattatori, offerti dall’Azienda in comodato d’uso gratuito, per compattare bottiglie in PET, lattine e flaconi in HDPE e PP.
    Il Cittadino che avesse riversato all’interno dell’ecopoint bottiglie e/o lattine, avrebbe ricevuto buoni spesa utilizzabili con attività commerciali convenzionati, oppure uno sgravio sulla tassa sui rifiuti.
    Lo stesso progetto poteva estendersi anche nelle scuole così da sensibilizzare i ragazzi sull’importanza del riciclo.
    Totale disponibilità dell’Azienda a partecipare. Progetto a costo zero per l’Ente.
  • Protocollo n°0001366 del 02/02/2015PROBLEMI RIGUARDANTI IL MANTO STRADALE SU VIALE GENERALE CANNADA”.
    Chieste dovute spiegazioni e ragioni di un progetto mal realizzato e incompleto.
  • Protocollo n°0001366 del 02/02/2015ISOLA ECOLOGICA – RACCOLTA DIFFERENZIATA”.
    Da qualche mese furono impegnate delle somme per la formazione dell’Isola Ecologica nella zona ex-Amandes, ma ancora non si vedeva miraggio dei lavori.
    Inoltre da settimane i cittadini lamentavano  la procedura di raccolta “porta a porta”.
  • Protocollo n°0001366 del 02/02/2015“DIPENDENTI COMUNALI”, i quali devono porsi al totale servizio dei Cittadini.
    Operare quindi con più parsimonia e rivolgersi con garbo ed educazione ai cittadini, che rappresentano i loro datori di lavoro.
  • Protocollo n°0009386 del 24/08/2015Introdurre il BARATTO AMMINISTRATIVO per dare possibilità ai Cittadini di pagare le tasse con lo scambio di manodopera.”
    Considerato che tutti i Cittadini devono essere posti nella condizione di poter pagare le tasse, è stato chiesto di introdurre il BARATTO AMMINISTRATIVO “art.24 D.l. 133/2014 per consentire ai Cittadini in difficoltà economica di far fronte al pagamento di TASI, IMU, TARI svolgendo lavori socialmente utili, di pubblica utilità come l’abbellimento di aree verdi, piazze, strade, migliorando, di riflesso, le condizioni della nostra Cittadina, e garantendo ai Cittadini lavori di decoro urbano che difficilmente l’Ente sarebbe potuto riuscire ad effettuare.
    Inoltre è stato chiesto anche un piano di rateizzazione mensile per i cittadini che ne avessero fatto richiesta.

SITUAZIONE FINANZIARIA DELL’ENTE

  • Protocollo n°0001366 del 02/02/15 sul “DISSESTO FINANZIARIO”, è stato chiesto a Consiglio e Amministrazione di riuscire a trovare, in tempi celeri, la migliore soluzione evitando di perder tempo a discapito della collettività.
  • 19/02/2015 Organizzazione Iniziativa Giovani & le sorti di Barrafranca, presso l’Aula Consiliare del Comune di Barrafranca, si è data possibilità diretta ai cittadini di poter aver chiarimenti ed, allo stesso tempo, facoltà loro di porre quesiti e domande per sciogliere ogni dubbio ed avere le idee chiare su cosa significasse “Piano di Riequilibrio” e/o “Dissesto Finanziario”.
  • Protocollo n°0005425 del 11/05/2015 “CONVOCAZIONE DI UN CONSIGLIO COMUNALE STRAORDINARIO PER FARE CHIAREZZA SULLA SITUAZIONE FINANZIARIA DELL’ENTE”.
    Considerato che da qualche mese si era fermi “silenziosamente” sempre sullo stesso punto, è stata fatta richiesta di un consiglio Comunale Straordinario affinché si potessero sciogliere i dubbi e le preoccupazioni della cittadinanza.

Oltre tutto, anche a mezzo stampa e in incontri ufficiali e, talvolta, informali questo gruppo giovanile ha voluto esprimere un proprio punto di vista anche su altre problematiche, come:

  • Mantenimento della gestione pubblica dell’acqua.
  • Ritorno alla gestione comunale del servizio rifiuti.
  • Rinegoziazione del contratto Enel Sole.
  • Mettere in atto tutte le procedure possibili per sfruttare il finanziamento sull’abbattimento delle barriere architettoniche.

Abbiamo l’orgoglio di voler affermare a gran voce di essere, nell’ultimo anno e mezzo, l’unica forza politica giovane attiva, lontana da pregiudizi e odio, completamente autonoma e portata avanti da un gruppo gestito solo ed esclusivamente dalle proprie idee e dai propri valori.
Abbiamo sempre anteposto i cittadini in ogni nostra azione, non abbiamo mai simpatizzato per nessuna forza o fazione politica presente in Consiglio Comunale.
Il nostro percorso fuori dal Consiglio Comunale ha permesso a tanti Giovani di capire quanto la politica sia distante da loro e quanto dà fastidio l’avanzare e la crescita di un Movimento Politico Giovanile, tanto che nessuna delle nostre iniziative è stata intrapresa.
Siamo entusiasti del nostro operato, siamo riusciti ad organizzare iniziative di interesse pubblico con il solo fine di avvicinare i nostri concittadini ad interessarsi concretamente della situazione politica reale.
Siamo sempre più consapevoli che per risollevare Barrafranca occorra una vera e propria rivoluzione culturale, un cambiamento radicale che cancelli gli errori del passato e si apra verso un futuro politico alternativo che possa dare inizio ad un progetto politico onesto e leale con alla base non i soliti interessi ma con un piano di ricrescita e di sviluppo per l’intera cittadina.
E a questo punto dovremmo metterci tutti in gioco, un fronte popolare di cambiamento, per limitare i danni di una classe politica inetta e retrograde nel modo di operare, già pronta a riorganizzarsi e a ripresentarsi a prossime elezioni professando il cambiamento che non hanno mai poi realmente praticato e concretizzato. E mentre costoro si preparano e organizzano alleanze politiche per le prossime elezioni, Barrafranca cade a pezzi.
E’ giunta l’ora di ricostruire Barrafranca!     #RicostruiAMOBarrafranca

 

Previous Incontro tra amministratori ed operai del RMI (Reddito Minimo d’Inserimento)
Next Rinnovo patenti. E' una "via crucis" per anziani e disabili