Sterpaglie e cumuli di immondizia all’interno e all’esterno del cimitero. Scatta la protesta dei cittadini.

“E’ impossibile, o quasi, che nessuno abbia un proprio defunto al cimitero e chi va a fare visita si deve trovare ad affrontare l’immondizia e le erbacce da mesi. Perchè questi disservizi anche dal punto di vista igienico sanitario li deve subire passivamente il cittadino?”. Questo è l’intervento di Maria Stella Cucchiara, e di cui tanti hanno contattato la redazione per evidenziare un punto, forse di non ritorno, che si sta registrando all’interno del cimitero barrese. Non si ritira l’immondizia da mese e le erbacce spunta nelle strade  in cui sono presenti le varie cappelle. Tanti i mucchi di immondizia tra lumini, fiori ed erbacce accatastate, tanto che qualcuno ci riferisce che almeno sarebbe da sei mesi che la pulizia del cimitero non avviene. Al di la di questo i cittadini sperano che l’amministrazione prenda seri provvedimenti. Il problema rifiuti persiste anche nella parte all’esterno del cimitero ovvero vicino l’accesso principale e l’altro accesso l’ungo la SS 191 che collega Barrafranca a Mazzarino dove si assiste ad uno spettacolo indecente. Se da una parte c’è chi addita il senso incivile da parte di cittadini dall’altro c’è una constatazione che il sistema di raccolta rifiuti non funziona da anni per cui bisogna andare al nocciolo della questione e almeno provare a risolvere i tanti problemi che la cittadina presenta.

 

la strada

Previous A Barrafranca rievocazione storica dell’antica tradizione della “GIUDITA”
Next Il giacimento di salgemma di Agira corrisponde alI' identikit per il deposito delle scorie radioattive?