Cambio toponomastica di Corso Garibaldi. I consiglieri di Forza Italia invitano a intitolare a Francesco Ferreri strutture frequentate dai giovani ad esempio come lo stadio, la villa comunale  o una scuola.

Cambio toponomastica di Corso Garibaldi. I consiglieri di Forza Italia invitano a intitolare a Francesco Ferreri strutture frequentate dai giovani ad esempio come lo stadio, la villa comunale o una scuola.

La vicenda sull’ intitolazione del corso Garibaldi a corso Francesco Ferreri sta dividendo l’opinione pubblica. Ieri intanto, dopo che sui social network si è espresso favorevolmente o negativamente sulla delibera di giunta dello scorso 20 luglio in cui si evidenziava il cambio della toponomastica del Corso Garibaldi a Corso Francesco Ferreri, anche la politica è scesa in campo dove alcuni consiglieri hanno presentato una mozione sulla delibera e di cui si chiede la revoca da parte dell’amministrazione comunale. In questi giorni oltre ad un gruppo di giovani barresi, diversi comuni cittadini hanno espresso democraticamente il proprio dissenso per i notevoli problemi che potrebbe creare non solo ai residenti ma anche ai commercianti in termini di dispendio di risorse anche di natura economica. La presentazione della mozione è stata depositata lunedì a firma del gruppo consiliare di Forza Italia con Angelo Paternò e Alessandro Salvaggio e mette in evidenza le perplessità, avanzata in questi giorni anche da un gruppo di giovani barresi, per la scelta del cambio di toponomastica dell’amministrazione. La delibera in questione è la numero 66 del 20 luglio scorso in cui si evidenzia di voler intitolare una strada a Francesco Ferreri al fine di tenere alto e duraturo il ricordo di un ragazzo strappato alla vita da un’azione criminale ed efferata il 16 dicembre del 2005. “ Questa mozione – affermano Salvaggio e Paternò – vuole onorare il piccolo Ferreri nel rispetto della storia, della cultura e degli interessi di tutta la cittadinanza. Al di la che il corso Garibaldi rappresenta la via storica del nostro comune e di tutti i comuni dell’Italia il cambio potrebbe evidenziare il profilarsi di azioni legali nei confronti dell’Ente, con evidenti ripercussioni sulla cittadinanza, visto anche il dissesto economico in cui versa il comune”. I consiglieri comunali danno una soluzione visto il malcontento che si registra da più parti andando ad individuare una struttura più idonea per questo scopo. “ Per rendere onore al piccolo Ferreri – continuano i consiglieri – mantenendo salda la storia, la cultura, al fine di evitare danni e disagi ai commercianti e professionisti riteniamo che sia più idoneo intitolare lo stadio o ad esempio la villa Comunale, teatro di grandi eventi e manifestazioni giovanili, e che ancora oggi è priva di un nome; o meglio ancora una scuola, in cui si formano i giovani”. Alcuni cittadini, contrari al cambio di nome del corso Garibaldi, avrebbero creato un comitato spontaneo il quale sta raccogliendo firme per presentarle direttamente nei prossimi giorni al prefetto Guida.
Previous IL SENSO DELLA CROCE nella catechesi di monsignor Rosario Gisana- I passi più salienti della catechesi
Next Seduta del consiglio comunale su aliquote Imu e addizionale Irpef