Ancora il Governo Renzi e il governo Crocetta mortificano i Precari in tutto il territorio nazionale

Ancora il Governo Renzi e il governo Crocetta mortificano i Precari in tutto il territorio nazionale

A dare la notizia il presidente della commissione Affari Europei U.R.P.S .

Il  Governo Renzi si schiera a favore della Merkel per fare rispettare i parametri Europei nei confronti della Grecia ma  non si allinea alla corte europea sull’assunzione dei Precari. Mentre l’avvocato generale della Corte Europea ha dato parere positivo: i precari vanno assunti dopo 36 mesi di servizio.
Così il Presidente del Comitato per i diritti dei precari nonché della Commissione Affari Europei presso l’U.R.P.S. Giuseppe Regalbuto ha scritto una nota all’avvocato generale della Corte di Giustizia Europea chiedendo di attenzionare i precari siciliani, compresi gli ex r.m.i..
Maciej Szpunar ha, difatti, reputato legittime le ragioni di migliaia di docenti e Ata ricorrenti che chiedono di essere assunti sulla base di un’anzianità di servizio superiore ai tre anni, come già previsto dalla direttiva UE 1999/70, che impone agli stati membri l’adozione di misure preventive per evitare l’abuso dei contratti a termine. In autunno la sentenza definitiva e lo Stato italiano non potrà che darne seguito: qualora continui a lasciare al palo così tanti precari della scuola pubblica, incorrerebbe in sanzioni salatissime, che potrebbero raggiungere miliardi di euro, il cui pagamento andrebbe, tra l’altro, a carico degli italiani.
«Il Governo» spiega il Presidente «non ha più alibi per rinviare o centellinare le immissioni in ruolo su tutti posti disponibili della scuola». Anche per i lavoratori della Conoscenza, emerge chiaramente l’abuso commesso dallo Stato italiano nell’utilizzo di tali contratti al fine di sopperire ad esigenze permanenti del settore scolastico e in violazione delle normative europee, così come viene messa in risalto la circostanza che la normativa italiana applicata al settore scolastico non limita né la stipulazione né tantomeno il rinnovo dei contratti a termine per il conferimento delle supplenze.

Previous 110° Anniversario della morte del Commendatore Giordano, visitiamo la casa
Next VEGLIA DI PREGHIERA E MESSA PRES. DA DON SALV NICOLOSI