Podismo a San Vito Lo Capo: anche gli ennesi in evidenza al IV° Trofeo corsa “ZERO BARRIERE”.

. Il Trofeo Corsa Zero  Barriere vola oltre stretto ed esattamente a Bolzano , infatti, l’altoatesino Hannes Rungger portacolori della Asd Sportler Team  ( campione e specialista delle corse in montagna ) col crono di 31’05’’si aggiudica la quarta edizione e il relativo trofeo messo in palio dagli organizzatori dell’Asd Project Diver  sezione Disabili no Limits.

Bisogna spendere qualche parola per menzionare l’ambito e prezioso trofeo  assoluto  realizzato dall’artista Giuseppe Cortese di Custonaci che  rappresenta un disabile che cavalca con la sua sedia a rotelle un’onda. Anche per i vincitori di categoria i premi sono stati realizzati da un’artista il famoso Mario Termine di Enna, opere d’arte raffiguranti una coda di balena logo dell’Asd Project Diver.

Ecco i numeri del IV°WEEK END dello Sport 23/24 maggio dove la passione e la solidarietà si sono fusi lasciando un segno positivo nei ricordi di tutti i partecipanti, due giorni vissuti da protagonisti con in testa gli atleti in carrozzina che attraverso le discipline di pallavolo, basket, basket in carrozzina, calcio a cinque, tennis, scherma, scherma in carrozzina, tiro con l’arco, tiro con l’arco in carrozzina, Kart in carrozzina e podismo hanno regalato  spettacolo ed emozioni uniche.

Tra le 107 associazioni sportive presenti da citare quelle paraolimpiche tra cui Aquile di Palermo, Red Cobra Palermo,  Olimpic basket Trapani, Club della Scherma Palermo, Arcieri di Venere Trapani, Kart tema di Palermo, Kart Team Enna, Project Diver Enna che insieme alle Asd che partecipano al Circuito Podistico Biorace hanno infiammato l’area della splendida città di San Vito Lo Capo.

Testimonial delle evento Nino Lisotta ( nazionale paraolimpico tiro con l’arco), Martino Florio ( recordman subacqueo con l’autorespiratore), Fabio Ferreri( basket in carrozzina) e Paolo Basilico ( istruttore subacqueo parasub).

La passeggiata ludico motoria  riservata ai non tesserati  ha avuto numerosi protagonisti tra cui i ragazzi del Cta Sant’ Antonio di Piazza Armerina dove ben figuravano Irma Di Pane, Fabio D’Urso e Giuseppe Sinistra. Tra gli sportivi in carrozzina Francesco Cravotta di Barrafranca, Giuseppe La Rosa di Piazza Armerina, LauraToscano di Pietraperzia,  Graziano Pecoraro di Mazzarino e Giuseppe Floreno di Castelluzzo.

La gioia e il divertimento subivano una brusca frenata quando prima della partenza della gara clou , riservata agli agonisti,  lo speaker chiedeva un minuto di silenzio in memoria dei caduti nella strage di Capaci ed in particolare per la scomparsa di una immensa campionessa dell’atletica Anna Rita Sidoti  che con le sue vittorie internazionali riuscì a portate i colori della Sicilia e dell’ Italia ai massimi vertici.

Il primo cittadino, Matteo Rizzo ,collaborato dal vice sindaco Maria Cusenza, alle ore 10 in punto ha dato il via alla gara valida come terza prova ufficiale del circuito  BIORACE  TROFEO TECNICASPORT/DIADORA, tanto spettacolo e divertimento lungo i cinque giri del circuito di 1.830 metri  ricavato a ridosso del lungomare  con la vittoria tra gli uomini di Hannes Rungger ( ASD Sportler Team) col crono di 31’05’’, seguito da Enrico Grumelli (Asd Lipa Atl. Alcamo) 31’46’’, terzo Davide Abruzzo (Asd Pol. Menfi’ 95) 32’08’’, quarto Nicolò Garuccio ( Asd 5 Torri Trapani) 32’12’’ e quinto Giuseppe D’Agostino ( Asd 5 Torri Trapani).

Anche tra le donne il Trofeo Corsa Zero Barriere  ha rischiato di andare in continente, ma una pimpante Azzurra Agrusa ( Asd 5 Torri Trapani) è riuscita col crono di 38’44’’ a tenere a bada la bresciana Roberta Borghi ( Asd Atl. Bedizzole) che soltanto nei primi tre giri riusciva a  tenere il ritmo della siciliana pagando nelle ultime due tornate lo sforzo  e chiudendo la sua fatica in 39’50’’, terza Anna Bommarito ( Asd 5 Torri trapani) in 42’45’’, quarta Donatella Simonetta ( ASD Sport Amatori Partinico) 43’53’’ e quinta Martina Zwischenbrugger ( SC Neugries)  44’51’’.

La cerimonia di premiazione vedeva i primi tre di ogni categoria salire sul podio allestito sulla cristallina e calda  sabbia sanvitese ,  il  presidente dell’Asd Project Diver Beatrice Roveto ringraziava  personalmente uno ad uno tutti i protagonisti dell’ evento a cominciare da SpeedPass ( responsabile rilevamento elettronico), l’associazione di protezione civile “Garibaldini a Cavallo” di Piazza Armerina, Sos Valderice assistenza sanitaria, il comando di polizia municipale di San Vito Lo Capo,  il comandante della delegazione di spiaggia, Tommaso Rallo, il direttore El Bahira Diego Ruggirello e tutti gli sponsor che hanno collaborato e supportato l’evento con la speranza che per la quinta edizione si possa ancor più lanciare il messaggio di abbattere ogni tipo di barriera sia fisica che mentale.

Previous Assessore regionale Contrafatto: “Acqua pubblica, ddl approvato è a rischio impugnativa”.
Next Ricostruzione del viadotto Himera