Biella. Un torneo di calcio per non dimenticare il sorriso di “Dami”

“Guarderemo il cielo ricordando il tuo sorriso…..”. Questa la frase scritta sulle maglie di alcuni ragazzi durante il torneo di calcio che si è svolto oggi sul campo di “San Biagio” a Biella per ricordare “Dami” Avola. Il 17enne, la scorsa settimana, si era accasciato a terra per un malore mentre si trovava con gli amici nel campetto dell’oratorio del Villaggio e poi è stato trasportato in ospedale dove è deceduto per un arresto cardiaco. I genitori, entrambi originari di Barrafranca, Salvatore Avola e Anna Ingala, che oggi erano presenti al torneo assieme ad altri familiari, sono conosciuti nell’ambiente del biellese, come una famiglia unita e con grande spirito di sacrificio. Al dolore della famiglia Avola, che ha deciso di donare gli organi del diciassettenne, si è associata anche la comunità di Barrafranca che non ha fatto mancare il proprio sostegno con gesti semplici e sinceri. Ad organizzare il torneo, che si è svolto per diverse ore, i compagni di Damiano Avola del “Vaglio Rubens”. Le gare del torneo si sono svolte nel più sano divertimento grazie a una comune passione proprio come faceva Damiano. Anche Alberto, il fratello di Damiano ha partecipato al torneo per poter afferrare quel sorriso di un fratello << che guarderà da lassù a lui, a tutti i familiari e a coloro che lo hanno voluto bene>>. Damiano è stato ricordato nella recente diretta su streaming nella sede dell’emittente radiofonica e televisiva “Radioluce” dove il comitato (per il Carnevale), che organizza diversi eventi a Barrafranca come il prossimo 2 giugno alla villa comunale. Negli studi di Radioluce diversi giovani con il presidente Calogero Aleo, assieme al presidente dell’ Avis hanno ricordato il giovane Damiano Avola proprio quando hanno affrontato l’argomento sulla donazione.

Previous L'Attore Gaetano Ingala è uno dei protagonisti della sesta puntata "Amore Criminale". La trasmissione andrà in onda lunedì 25 maggio alle ore 21 su Rai Tre
Next Dopo il restauro ritorna a casa la statua della Madonna della Catena