Turisti di Monterosso Almo in visita nelle chiese locali per ammirare gli stucchi del Fantauzzo

Nel giorno del 1 maggio un gruppo di turisti siciliani provenienti da Monterosso Almo guidati da don Marco Diara hanno visitato le chiese locali realizzati allora (siamo tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo)da parte del Fantauzzo, autore di molti stucchi pregiati. La Bottega del Fautauzzo (l’arte si tramandò di generazione in generazione) operò a Barrafranca e poi anche in chiese del siracusano come Monterosso Almo. L’iniziativa di questo mini – gemellaggio sono stati i due sacerdoti giovani delle due comunità: don Luca Crapanzano per Barrafranca e don Marco Diara di Monterosso Almo. ” Il filo conduttore della visita di questi nostri fratelli – afferma don Luca Crapanzano – e l’arte perchè il Fantauzzo operò nella chiesa Itria e Grazia ma anche nel siracusano per cui è stato bello ritrovarsi insieme”. L’Artista locale Gaetano Vicari tra i numerosi scritti parla delle chiese barresi e degli importanti lavori della bottega dei Fantauzzo a Barrafranca. Ad essersi resa disponibile la Pro Loco di Barrafranca, Filippo Salvaggio assieme ad alcuni volontari i quali hanno fatto visitare alcune bellezze locali tra cui le nostre chiese. Anche la chiesa Madre è stata possibile vedere da dove esce per il venerdì santo il crocifisso nella processione detta “U Trunu”. Prima di recarsi a Barrafranca però il gruppo di Monterosso Almo è stato presente ad Aidone alla festa di San Filippo e poi visitato a Piazza Armerina la villa Romana del Casale.

Previous MOSTRA COLLETTIVA D’ARTE 2015
Next Incendiata una palazzina in contrada Sitica a Barrafranca