Successo della commedia teatrale ” Lo scaldaletto” al Sorriso

Successo della commedia teatrale ” Lo scaldaletto” al Sorriso

  • tutte le donne barresi che hanno interpetato la commedia teatrale nella sde dell'associazine il Sorriso
  • Barrafranca. Andata in scena nei locali dell’associazione “Il Sorriso” la commedia “Lo scaldaletto”, tutta al femminile e adottata e tradotta in dialetto barrese. E’ stata un successo la commedia teatrale nella sede associativa di viale Signore Ritrovato, dove i tre atti sono stati interpretati da volontarie, tutte donne intraprendenti e di diverse età. I ruoli di figure maschili sono state interpretate magistralmente anche da donne le quali hanno sfoggiato la loro indole artistica. La commedia “Lo Scaldaletto” è una rivisitazione in dialetto barrese di un’opera del napoletano Edoardo Scarpetta attore e commediografo italiano (Napoli 1853-1925), il più importante autore e attore del teatro napoletano tra la fine dell’Ottocento e i primi de Novecento. A coordinare la regia è stata Marianna Aleo mentre aiutante regia Marianna Stelletta. La scenografia è stata curata nei minimi particolari da Maria Costa che ha riprodotto alcuni ambienti dell’antica Barrafranca. Tra le volontarie dell’associazione hanno contribuito oltre ad Arcangela Strazzanti anche Jole Virone, Maristella Malacasa (presidente dell’associazione), Salvina Tambè e Marianna Spagnolo mentre il montaggio delle scene è stato curato da Angelo Bevilacqua, Alessandro Franchino, Giuseppe Bevilacqua, Anche Filippo Monica  è stato incisivo con la scelta dei brani musicali. La versione barrese della commedia teatrale è stata esilarante, convincente, e spettacolare le cui interpreti, nonostante l’età, non sono state da meno per la loro spontaneità, disinvoltura, padronanza del ruolo e del palcoscenico. Queste i nomi delle interpreti: Salvina Cinnirella (Don Felice), Antonietta Bonaffini (Donna Amalia), Lilla Fantauzzo (Don Gaetano), Borina Bonincontro (Donna Dorotea), Antonietta Aiello (serva), Mimma Calandra ( Emma Carcioff, ballerina), Carmela Tambè (Don Anselmo), Lucia Bevilacqua (giudice), Lia Cumia (custode), Lucia Russo (avvocato e ballerina), Marisa Tropea (usciere), Maria Meli (comparsa), Anna Aleo (cancelliere) e, infine, Antonietta La Rocca e Lina Strazzanti (ballerine).                                   RENATO PINNISI

Previous Convenzione Enel Sole ne esco pulito
Next Laboratori di cucito della Caritas Diocesana