Deceduto l’ex consigliere provinciale Giuseppe Regalbuto

Deceduto l’ex consigliere provinciale Giuseppe Regalbuto

Giuseppe Regalbuto, ex consigliere provinciale, ricoverato presso l’ospedale di Enna, è deceduto oggi. Forse in tutto il territorio provinciale lo ricordano in questo modo ma oltre ai vari ruoli ricoperti in ambito istituzionale, Giuseppe era un ragazzo simpatico e pronto ad aiutare gli amici e dedicando il proprio tempo a chi fosse diversamente abile. Pronto a dare una pacca sulle spalle a chi fosse demoralizzato e partecipare ad una discussione, anche accesa, con argomenti di ogni genere era sempre disponibile ad accettare la sfida. In un momento in cui la vita è “lentissima” anche il cuore di ognuno che conosceva Giuseppe è come si fosse fermato per un attimo e le successive ore dopo la notizia avrebbero preso il sopravvento. E in tanti (sono proprio in tanti) lo ricordano come un giovane allegro e pronto nelle battute, un “Giuseppe” simpatico a tanti e sempre in compagnia di amici.                                                                                                                                                                E’ stato consigliere provinciale e si era battuto a denti stretti per la riapertura dell’ex miniera di Pasquasia riuscendo a creare una commissione speciale per lo studio della miniera e coinvolgendo la anche la politica regionale; numerosi i suoi interventi presso la nostra emittente Radio Luce proprio a perorare la causa per la bonifica e la riapertura della Miniera.
E’ stato anche consigliere comunale di Barrafranca negli anni Novanta ed esponente di spicco di Forza Italia a livello locale e provinciale. Ha partecipato a diversi programmi radiofonici dimostrando le sue caratteristiche di uomo ironico e, anche, doti di intrattenitore. Tra gli innumerevoli impegni è stato presidente provinciale ANGLAT, (Associazione Nazionale Guida Legislazioni Andicappati Trasporti) ed ha ricoperto ruoli importanti per la difesa dei disabili. Socio fondatore dell’associazione Italia Giovani è stato anche presidente provinciale della Fand e dei Ranger’s D’Italia. Faceva parte della confraternita dell’Immacolata che ha avuto origine da alcuni anni nella chiesa di San Francesco. Tutti increduli e sconvolti in paese per la notizia ricevuta. Giuseppe Regalbuto era un ragazzo solare con una grande energia da spendere per i più deboli e la sua azione la svolgeva anche in silenzio aiutando soprattutto le fasce più deboli. In un momento in cui sono sospesi i funerali non sarà possibile poter appoggiare neanche un fiore o dire una preghiera davanti la sua bara. “Di sicuro  – riferisce un amico – sono in tanti a fare una preghiera per Te, grande amico e grande intrattenitore. Era anche, se si vuol dire, con le sue azioni anche un costruttore di pace. Ci mancherai tanto. Preghiamo affinchè il Signore aiuti tutta la tua famiglia”.

RENATO PINNISI
GINO CRAPANZANO
GAETANO MILINO

 

 

 

Previous Il Vescovo Gisana "“La distanza è unità” Lettera alla Diocesi n. 4 – 2020
Next Barrafranca. La morte di Giuseppe Regalbuto, il cordoglio del PD provinciale e barrese