I PARTI DI SANTA BRIGIDA- la versione barrese della compianta Giuseppina La Zia

I PARTI DI SANTA BRIGIDA- la versione barrese della compianta Giuseppina La Zia

Una delle più famose orazioni in dialetto siciliano che si recitavano (qualche anziano ancora li recita) durante la Quaresima (e non solo) è quella conosciuta come I PARTI DI SANTA BRIGIDA, avente per argomento le famose “Rivelazioni Celesti” che Cristo fece a Santa Brigida riguardanti la sua Passione. Santa Brigida di Svezia (Finsta, 3 giugno 1303 – Roma, 23 luglio 1373) è stata una religiosa e mistica svedese, fondatrice dell’Ordine del Santissimo Salvatore; fu proclamata santa da papa Bonifacio IX nel 1391. Il 1 ottobre 1999 è stata dichiarata da Giovanni Paolo II  compatrona d’Europa, insieme a santa Caterina da Siena e santa Teresa Benedetta della Croce.

Giuseppina La Zia

Questa orazione è recitata non solo in tempo di Quaresima ma tutto l’anno, come protezione alla morte.  L’orazione di santa Brigida, nelle sue versioni cantate e recitate, è una delle più interessanti espressioni religiose tramandate oralmente, basata sul tema contemplativo della Passione di Gesù Cristo, secondo alcuni motivi ricorrenti nella fabulazione drammatica del mito pasquale. Propagatori dell’agiografia e quindi ispiratori delle preghiere popolari furono i cantastorie ambulanti, che, con il loro girovagare, diffondevano le vicende dei Santi, e non solo, tra gli strati più bassi della popolazione, trasmettendo quella cultura che, ai nostri giorni, c’è data dai libri e dalle moderne fonti d’informazione. Per la consuetudine di Brigida col soprannaturale, la pietà popolare pose sotto la sua protezione il momento della morte. Tale canto è stato variamente adattato e contaminato dalle diverse forme di folklore che contraddistinguono la Sicilia. Il suo schema consiste di due parti: la prima è una sommaria esposizione della passione di Cristo, mentre nella seconda s’invoca una buona morte. Secondo la religiosità popolare, chi reciterà quest’orazione per tanti anni, la Santa arriverà in sogno.

Trattandosi di orazioni tramandate oralmente, ne esistono diverse varianti. Noi riportiamo quella della signora Giuseppina La Zia di Barrafranca (EN), scomparsa nel 2016 all’età di 94 anni, animata da un grandissimo senso religioso. Conosceva a memoria tante preghiere dilettali, alcune delle quali lei stessa riuscì a trascrivere, nonostante conoscesse solo le basi della scrittura. L’orazione è stata registrata personalmente dall’autrice dell’articolo e trascritta così per come è stata recitata.

§ Brigida Santa inginocchiata stava

davanti o Crucifisso chi ciangiva (liggiva)

la passione ci la rivilava

la cruna di li spini ci mintiva,

e ccu na manu la torcia addumava (accantu tiniva),

cu l’altra manu lu libbru liggiva.

Subbitu Gesù Crucifissu a rispunnutu,

prestu ‘cu Santa Brigida a parlatu

ci cunta li flagelli ca patì

la passioni ci la rivilà.

Giuda di Marcu quannu mi ferì

con una Santa mascidda mi pigghià.

Brigida cadì n’terra e stranguscì,

di lacrimi lu pittu si lavà.

Su, alzati Brigida chi t’aiu canusciutu,

Cristu dell’arma tò s’è infiammatu

cu si ni penti di li sò  piccati

Cristu pirdona a te qualunqui offesa.

20 surdati purtavanu a mmia

300 volte cascai ppi la via

e quannu a casa di Anna mi purtarunu

ppi tutta la città mi cunnuciru

e strettu alla colonna mi taccaru

3 ossa dilla spalla mi nisciru

la stessa notte chi mi flagellaru

in piedi nun putia stari

la mattina ebbi a parlari la mia matri divina

appi 320 ributtuna

1666 furinu lu curpi ddi li scurriati

e i suldati ivanu avvicinannu

e unu chi battia cu la catena,

la catena a li cuddu mi ttaccaru,

‘nti Pilatu mi purtaru a trascinuni.

Pilatu era affacciatu a lu barcuni

e con un mantello di scallatu finu,

tannu gli Ebrei cuminciarunu a diri:

Cristo di uomo chiù non può campari,

rispunni unu limpiu e suttili,

a Cristu di nuvo l’ammu fricillari.

Oh Brigida cuminciaruni li martiri,

oh Brigida mi vinniru a ‘ttaccari e duluri smisuratamenti,

povera mammma quantu mi nutrì,

quannu al monte calvariu mi cchianaru,

cascaiu in terra cu tutta la cruci,

la facci e li ginicchia mi straziaiu

quantu fu grande e pesante dda cruci,

una cosa sula mi soddispiacì

chi va cianginnu mia Matruzza duci.

Chi jurnata crudeli fu tannu

lu suli si cuprì di malu signu.

La Matri santa ci dissi a Giuvanni:

-tocca a ma figghiu si è vivo o murtu.

Giuvanni Santu si vota gianginnu

-pazienza madri mia che già finì.

Sta razione cu la voli dire

40 jorna nni devi lintati

di mala morte non si pò murire

e Di ni scanza di pene infernali.

3 giorni prima la comunione,

Santa Brigida ne viene a visitare

e quannu è ura di muriri

Gesù Cristu mi viene accumpagnari.

Questa litania va a cuntu nustru

dici una Avi Maria e un Padre nustru. (Giuseppina La Zia)

Rita Bevilacqua

Previous Deceduto il leader del partito Socialista Italiano Mario Mazzaglia
Next ACCADDE… OGGI 30 Marzo