GDF ENNA: Controlli sulla vendita di pellet da riscaldamento. Sequestrate 24 tonnellate di biocombustibile non a norma.

GDF ENNA: Controlli sulla vendita di pellet da riscaldamento. Sequestrate 24 tonnellate di biocombustibile non a norma.

- in Enna

I Finanzieri del Comando Provinciale di Enna hanno sottoposto a sequestro circa 24 tonnellate di cosiddetto “nocciolino”, una biomassa legnosa del tutto simile al pellet, sottoprodotto di scarto ottenuto dalla lavorazione delle olive e comunemente impiegato come combustibile anche nelle stufe per il riscaldamento delle abitazioni. Le irregolarità sono state scoperte durante una serie di controlli avviati dai militari del Gruppo di Enna nel settore dei biocombustibili, ed in particolare del pellet da riscaldamento, soggetti a precise regole destinate a garantire la qualità della filiera produttiva e la conformità ambientale del prodotto, in modo da escluderla presenza di sostanze potenzialmente pericolose per la salute dei cittadini. Il “nocciolino” irregolare era in vendita al pubblico presso tre esercizi commerciali della provincia ennese, confezionato in sacchi da 25 chilogrammi privi dell’etichettatura contenente il peso, la classificazione, le caratteristiche qualitative e i dati di tracciabilità del prodotto, il relativo marchio nonché le indicazioni per risalire al produttore, come prevede – a garanzia dei consumatori – il Codice del Consumo. Oltre al sequestro amministrativo della merce, del valore complessivo di circa 60 mila euro, i rivenditori sono stati verbalizzati per l’applicazione, a cura della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura, delle relative sanzioni pecuniarie, per un importo fino a 25 mila euro per ciascuna violazione. Nel corso dei controlli, inoltre, sono stati individuati anche due commercianti ambulanti di pellet, i quali, pur vendendo prodotti recanti l’etichettatura prevista a garanzia dei consumatori, non sono risultati in regola con la normativa fiscale, non avendo installato il registratore telematico per la memorizzazione dei corrispettivi incassati dalle vendite. Per i due trasgressori è così scattata la sanzione amministrativa da 1.000 a 4.000 euro. L’operazione delle Fiamme Gialle rappresenta una testimonianza tangibile del costante impegno profuso dalla Guardia di Finanza, nel suo ruolo di polizia economico-finanziaria a tutela del mercato dei beni e dei servizi, per contrastare non solo la produzione e la diffusione di prodotti insicuri o nocivi per la salute dei consumatori, ma anche ogni forma di concorrenza sleale tra imprese che operano sul mercato, dovuta alla produzione e alla commercializzazione di prodotti illegali oppure all’evasione fiscale degli imprenditori disonesti. GAETANO MILINO

You may also like

PIETRAPERZIA. Nuove luci in corrispondenza del lavatoio “Canale”.

“L’Area” arricchita con le nuove luci è quella