BARRAFRANCA. In occasione delle festività Natalizie, l’Istituto San Giovanni Bosco, ha riproposto “Natale insieme”

BARRAFRANCA. In occasione delle festività Natalizie, l’Istituto San Giovanni Bosco, ha riproposto “Natale insieme”

BARRAFRANCA. In occasione delle festività Natalizie, l’Istituto San Giovanni Bosco, ha riproposto “Natale insieme” un momento dedicato a canti, poesie e riflessioni natalizie sulla base di un tema specifico per tutto il plesso, diventata ormai una tradizione, che si è interrotta negli ultimi due anni a causa del Covid. I due plessi della scuola primaria, “S. G. Bosco” e “Gino Novelli”, si sono esibiti nella Chiesa Madre di Barrafranca, grazie alla disponibilità e alla grande attenzione che il parroco don Benedetto Mallia rivolge in ogni momento alle iniziative della scuola, nelle date del 19 e 21 dicembre. Entrambi i plessi si sono soffermati sul tema della solidarietà anche con gesti concreti di offerta di viveri a lunga conservazione, donate dagli alunni e dalle alunne della scuola, alla Caritas della Chiesa Madre. Questa una parte della presentazione degli alunni e delle alunne delle classi quinta A e quinta B del plesso S.G. Bosco: “Finalmente torniamo a cantare insieme, a gioire e ad attendere festanti il Natale…

…purtroppo, tante belle esperienze, ci sono state “rubate dalla pandemia” e adesso, vorremmo assaporare e godere di ogni momento che trascorreremo in questa scuola. …Ricordiamo con profonda dolcezza le nostre prime festività trascorse a scuola, l’atmosfera magica, le tante attività e le prime esibizioni, che ci facevano tremare la pancia e battere forte il cuore. Emozioni che lasciavano immediatamente il posto alla gioia e a un’immensa felicità, al vedere gli occhi orgogliosi dei nostri genitori e visi sorridenti e soddisfatti dei nostri insegnanti e della nostra amata Dirigente, prof.ssa Nadia Rizzo, che ci segue e ci sprona in ogni circostanza.

Oggi torniamo, di nuovo con le farfalle nella pancia e ancora profondamente emozionati. A guidarci nel nostro “NATALE INSIEME”, sarà la STELLA che ha guidato i re magi affinché, seguendo la sua scia, possiamo giungere a quelli che sono i veri valori del Natale. Per noi, alunni e alunne, insegnanti e personale della scuola primaria San Giovanni Bosco, guidati dalla nostra amata Dirigente, il VERO NATALE è: AMICIZIA, AMORE, PACE, quei sentimenti che aprono la strada alla SOLIDARIETÀ. In questa occasione, le classi quinta A e quinta B del plesso S. G. Bosco, hanno recitato una poesia inedita, scaturita dalle riflessioni sul tema della SOLIDARIETÀ.

APRIAMOCI ALLA SOLIDARIETÀ

In questa vastità
di case odorose
e strade addobbate,
di stelline luminose e luci colorate,
di giorni divertenti senza pari
tutti diversi, veloci e straordinari
Nell’attesa trepidante e
ricca di significato
davanti al presepe e
all’albero decorato
Vogliamo fermarci
a pensare un secondo,
ad andare oltre…
il nostro angolo di mondo…
E con la nostra
innocente sensibilità
ricoprirci di un manto
di altruistica umiltà
Ci accorgeremo così,

di chi soffre solo e stanco,

di chi, come Maria,

non ha nessuno a fianco,

di chi, come Giuseppe,

la sorregge speranzoso,

alla ricerca di un luogo

dove trovare riposo.

Di chi, come Gesù,

povero o tra la guerra,

non trova un giaciglio

e deve nascere per terra.

E volgendo a loro,

il cuore colmo di bontà

ci apriremo a gesti

di profonda generosità

Perché sappiamo che

in questa distratta società,

noi siamo la tenerezza

che può salvarne l’umanità.

Guarderemo negli occhi Maria,

la nostra docile sorella

e le daremo la mano

perché la nostra anima è bella

Aiuteremo Giuseppe

sulla strada perigliosa

e offriremo un posto caldo

per la sua sposa amorosa

Prenderemo tra le braccia

il piccolo Gesù

Perché in una mangiatoia

non debba giacer più.

Riconosceremo in Gesù,

Giuseppe e Maria,

quanti soffrono:

vicini o soli per la via.

Apriremo le nostre braccia

e il nostro cuore di bambini

e non rimarremo immobili

come insensibili manichini.

Nessuno più si sentirà solo e triste

perché saprà, che per noi tutti esiste

saprà che è importante

come me e come te

e della nostra vita farà parte

senza ma e senza se…

Faremo sentir loro di essere importanti,

e lo diremo a tutti, piccoli e grandi.

Con forza e coraggio

anche contro le avversità

Offriremo a ciascuno,

tutta la nostra solidarietà.

GAETANO MILINO

Previous ENNA. Concluso il progetto “Il Mondo è Bello Perché é Vario”.
Next PIETRAPERZIA. In paese Natale senza luci e senza addobbi