ASP Enna. Due medici assunti per il Pronto Soccorso di Piazza Armerina

ASP Enna. Due medici assunti per il Pronto Soccorso di Piazza Armerina

Sottoscritto il contratto a tempo indeterminato da due giovani medici che prenderanno servizio al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Piazza Armerina. Le dottoresse Ramona Sorrentino e Artemide Di Nicolò lavoreranno nel team diretto dalla dottoressa Raffaella Crescimanno, responsabile del Pronto Soccorso della città dei mosaici, che dichiara: “Ringrazio il Direttore Generale, Francesco Iudica, per l’attenzione posta nei confronti dell’Ospedale di Piazza Armerina incrementando il numero dei medici in servizio presso il Pronto Soccorso, che riveste da sempre un ruolo di primaria importanza per il territorio. L’assunzione dei due medici porterà una boccata di ossigeno al personale in servizio e garantirà un più alto livello delle prestazioni”.

Per il Direttore Generale, nella foto con le dottoresse neoassunte e con il responsabile del servizio, “La sottoscrizione del contratto dei due medici per l’Emergenza Urgenza è un ulteriore tassello del completamento della dotazione organica, obiettivo per il quale questa Direzione si è spesa sin dal primo momento del proprio insediamento. Inoltre, il Pronto Soccorso di Piazza Armerina raggiunge, con l’immissione in servizio delle due dottoresse, il più alto numero di medici mai avuto a disposizione. Ulteriore motivo di soddisfazione è che si rafforza l’equilibrio di genere all’interno della nostra Azienda che possiede, a livello nazionale, il più alto numero di donne dirigenti, e rende prevalente  la dimensione femminile nella dotazione del personale assegnato al Pronto Soccorso dell’Ospedale Chiello.

Oltre all’incremento quantitativo che alleggerirà l’onere sul personale in servizio, sono convinto che la presenza femminile così elevata garantirà la più alta qualità delle prestazioni nella tutela della salute della popolazione di riferimento”.

Previous VILLAROSA. Commemorazione del Carabiniere Fedele Difrancisca.
Next Mons. Michele Pennisi. (Interris) La vocazione alla “santità ordinaria” del beato Livatino