BARRAFRANCA. Legittima l’applicazione nel Comune di Barrafranca  delle imposte massimali IMU,  TASI e IRPEF a decorrere dal 2014.

BARRAFRANCA. Legittima l’applicazione nel Comune di Barrafranca delle imposte massimali IMU, TASI e IRPEF a decorrere dal 2014.

Scrica la sentenza

La Commissione Straordinaria del Comune di Barrafranca ha trasmesso, al riguardo, un documento, oltre alla sentenza del CGA di Palermo. Questo il contenuto del documento della Commissione Straordinaria del Comune di Barrafranca: “Il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana (C.G.A.), con sentenza del 13/6/2022, ha accolto il ricorso in appello presentato dal Comune di Barrafranca per la riforma della precedente sentenza del TAR Sicilia n. 1682 del 27/5/2021 emessa a seguito del ricorso di alcuni Consiglieri Comunali e due cittadini”. “La sentenza del TAR Catania aveva annullato sia la nomina da parte dell’Assessorato Regionale Autonomie Locali del Commissario ad acta in sostituzione del Consiglio Comunale , sia i provvedimenti da questi adottati per l’applicazione delle aliquote massime IMU e TASI e istituzione IRPEF comunale, con decorrenza dal 2014”.

Il C.G.A. ha stabilito che non esiste alcuna illegittimità degli atti adottati dal Comune di Barrafranca”.
“Ha risolto così la questione centrale della controversia, relativa all’effettivo anno di decorrenza delle imposte, individuandolo nel 2014 poichè, l’ultimo rendiconto di bilancio approvato, risaliva al 2013”.
“Ha definito quindi corretta e legittima la richiesta di versamento delle imposte IMU, TASI e Addizionale IRPEF con decorrenza 2014, formulata dal Comune di Barrafranca”. GAETANO MILINO

Previous GDF CALTANISSETTA. La Guardia di Finanza intensifica il controllo economico del territorio. Individuati 4 lavoratori in nero e 4 irregolari.
Next ASP Enna. Avviata la Fisiatria presso l'Ospedale Basilotta di Nicosia.