BARRAFRANCA. “Ddi nni scansi e liberi”.

BARRAFRANCA. “Ddi nni scansi e liberi”.

BARRAFRANCA. È una poesia in dialetto barrese scritta e recitata da Sandrino Geraci. È un brano poetico molto significativo che ripercorre la tragedia della guerra e tutte le sue implicazioni drammatiche. Una tragedia che non si immaginava che, nel 2022, potesse ripresentarsi, ancora una volta e riproporre il suo “catalogo” di morte, lutti e distruzione. Sandrino Geraci, nella poesia, illustra tutti i drammi che si stanno vivendo per l’assurda e vergognosa guerra in Ucraina. Tra le immagini quelle della gente che fugge con i figli in braccio e dei carri armati, bombe e armi che seminano morte e distruzione. Si riscontra la partecipazione commossa al dramma del popolo ucraino e il grande sentimento di umanità e pietà che pervade la composizione. Come sempre, l’autore, sensibile alle tragedie umane,  effonde nella sua poesia le profonde emozioni degli animi sensibili turbati dalle sofferenze del fratello. La sua composizione non è soltanto poesia ma narrazione poetica degli eventi attuali che diverranno storia per noi e i nostri figli. La speranza che anima il componimento si conclude con un invito al Dio di ciascuno ad interessarsi di queste amare vicende e a non abbandonare l’uomo alla sua solitudine e insensatezza. Molto significativa la conclusione.  “Si quarcunu beni da guerra parra, Chissu sbattì a testa nti na sbarra. Di sicuru un gnè cchiù sanu, ma pazzu, E di sta vita u nnacaputu un cazzu”. Questi i versi di tale testo poetico:

Sulu mamá mi parrava di guerra,
U mali cchiù disgraziatu da terra.
E nni parrava cqua vuci trimanti
Comu siddu avissi ancora davanti.

E mi cuntava di genti sfollati,
Luntanu, nti pagghiara rifuggiati
Scantati ppi bummi  di l’aeroplani
Chi rrivavanu di munni luntani.

E un sapivanu sa cca a va na mangiari,
All ‘armi nuccenti cca va na dari.
E si sprava chi a guerra a va finiri
E si trava a campari ppu muriri.

Niuru iera u pani e niura a fami.
Un c’eranu né ligna e mancu rami
E si dumannava un pizzu di pani
Ppi dallu e carusiddi e all’anziani.

Avumu statu mpaci ppi tant’anni,
Pari chi avanu llistutu i malanni.
Mamá un c’è cchiù e a guerra ie sempri cca
Cqui genti mmazzati senza pietà.

Ora sta guerra a sintimmu vicina
Nti na terra chiamata Ucraina.
A mmu passatu un timpu senza guai
Sprannu, o Signuri, cun finissi mai.

Ma cu fa a guerra ie senza cuscienza
E s’avissi ffucari ccu na lenza.
Pirchì sta genti mai ha ragiunatu
E si cridi forti e senza piccatu.

Ma ccu chiddi chi anu u sensiu duru
Ie comu sbàttiri a quartara o muru.
Un ci po’ nenti ppi falli cangiari
E sulu u Signuri ccia da pinsari.

Ppi carità finimmula ccu stu mali,
Bruvicammu bummi mitra e pugnali.
A nudda banna a guerra ha fattu beni
E lassa sempri morti, guai e peni.

Cchi pena taliari a televisioni!
Cci su cosi chi fanu mprissioni.
Ddi picciliddi chi vanu fuinnu
E tutti i matri chi vanu cianginnu.

Carri armati chi sparanu nti strati
Tanti genti chi fuiunu disprati
Cqui figghi mbrazza e u cori mpassulutu
Vanu nfacci a un distinu scanusciutu.

Cchi mali anu fattu ssi sbinturati
Ppi d’essiri a ccussì cuntrariati?
Quali vita anu davanti a d’iddi
Si non guai quantu nn’anu capiddi?

Signuri un  vi vutati di dda banna,
Mannàtinni du cilu paci e manna,
Si nni lassati suli nti sta terra
Nni sciarriammu e facimmu guerra.

Cangiati a testa a ccu l’avi purrita
Facinnu capiri chi iè bella a vita
Dunaci amuri e tantu sintimintu

Ppu nnu fari ristari duru e tintu.

Sprammu chi sta guerra llesti currinnu
Pirchì a picca a picca si sta murinnu.
A cosa u gnè di ridiri e u gnè comica
Speci si iettanu a bummi tomica.

Si quarcunu beni da guerra parra,
Chissu sbattì a testa nti na sbarra.
Di sicuru un gnè cchiù sanu, ma pazzu,
E di sta vita u nna caputu un cazzu.

GAETANO MILINO                

Previous Un innovativo approccio diagnostico e farmacologico per il trattamento della Sindrome di Down
Next Barrafranca. CULTURA DELLA LEGALITA’. I Carabinieri incontrano i ragazzi degli Istituti Comprensivi San Giovanni Bosco ed Europa.