LA POLIZIA DI STATO DI ENNA HA COMMEMORATO GIOVANNI PALATUCCI, EX QUESTORE DI FIUME

LA POLIZIA DI STATO DI ENNA HA COMMEMORATO GIOVANNI PALATUCCI, EX QUESTORE DI FIUME

Nella mattinata odierna la Polizia di Stato di Enna ha onorato l’anniversario della morte di Giovanni Palatucci, ex Questore di Fiume, morto nel 1945 nel campo di concentramento nazista di Dachau, “Medaglia d’Oro al Merito Civile” e riconosciuto “Giusto tra le Nazioni” per aver salvato dal genocidio migliaia di ebrei italiani e stranieri.

Al fine di onorare il suo sacrificio, il Questore della Provincia di Enna, dr. Corrado Basile, ha fatto collocare una pianta di ulivo nelle immediate vicinanze del piedistallo con targa ricordo, già installato lo scorso anno, presso l’aiuola posta a fianco dell’edificio della Questura.

All’evento sono intervenuti il Prefetto, il Sindaco, il Commissario Straordinario del Libero Consorzio Comunale di Enna, i Comandanti Provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, rappresentanti dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato, e due gruppi di studenti dell’Istituto Superiore d’Istruzione “Napoleone Colajanni” e del Liceo Scientifico “Pietro Farinato” di Enna, accompagnati dai Dirigenti gli Istituti scolastici, che, per l’occasione, hanno letto i risultati di una apposita ricerca sulla vita di Giovanni PALATUCCI al fine di perpetrarne il ricordo anche tra i giovani.

Gli studenti, come segno di riconoscimento dell’importanza che la memoria storica riveste, si sono attribuiti il compito di prendersi cura della pianta di ulivo, simbolo di pace e di speranza.

Giovanni Palatucci, nato a Montella (AV) il 31 maggio 1909, dopo la maturità classica conseguita a Salerno nel 1928, svolse nel 1930 il servizio militare a Moncalieri (TO) come allievo ufficiale di complemento. Nel 1932 conseguì la laurea in giurisprudenza presso l’Università di Torino. Nel 1936 giurò come volontario Vice Commissario di Pubblica Sicurezza. Nel 1937 venne assegnato alla Questura di Fiume, inizialmente quale responsabile dell’Ufficio Stranieri e poi con l’incarico di Reggente della stessa Questura.

Nella sua posizione ebbe modo di conoscere l’impatto che le leggi razziali ebbero sulla popolazione ebraica. In quel contesto, cercò di fare quello che il suo ruolo gli permetteva, creando attraverso una rete di amici una strada per salvare tanti ebrei dai campi di sterminio. Un calcolo approssimativo ha stimato in più di 5.000 il numero di persone che Giovanni Palatucci aiutò a salvarsi durante tutta la sua permanenza a Fiume.

Accusato di cospirazione e intelligenza con il nemico, il 13 settembre 1944 venne arrestato dai militari tedeschi e tradotto nel carcere di Trieste. Il 22 ottobre venne trasferito nel campo di lavoro forzato di Dachau, dove morì di stenti due mesi prima della liberazione, il 10 febbraio 1945, a soli 36 anni.

In Israele, per la meritoria attività volta a salvare migliaia di persone, è stato riconosciuto “Giusto tra le Nazioni”, per la Chiesa cattolica è “Servo di Dio”, mentre la Repubblica Italiana gli ha conferito la “Medaglia d’Oro al Merito Civile”.

Previous GDF ROAN PALERMO. Sequestrati 7.500 esemplari di ricci di mare e denunciati 4 pescatori di frodo.
Next LA POLIZIA DI STATO SOTTOPONE SETTE SOGGETTI AL DIVIETO DI ACCESSO AI LOCALI PUBBLICI NONCHE’ AL DIVIETO DI STAZIONAMENTO NELLE IMMEDIATE VICINANZE DEGLI STESSI PER IL PERIODO DI 12 MESI