BARRAFRANCA. Sprofonda una tratto di strada, via Silvio Pellico, mentre passa un autocompattatore. L’automezzo e l’autista in bilico nella grossa buca.

Questi i fatti. Nella mattinata di lunedì 15 novembre 2021, erano circa le sette, il camion era in giro per il paese per la raccolta dei rifiuti solidi urbani. Arrivato nella parte bassa di via Silvio Pellico, 75 – a poca distanza da Largo Canale – la sede stradale ha ceduto ed è sprofondata. Il camion e rimasto in equilibrio appoggiandosi sulla ringhiera del numero civico 75.  Visibilmente spaventati gli abitanti della zona per il grosso boato e il nuvolone di polvere che si è sollevato in seguito al crollo della strada. La frana ha creato una voragine di tre metri di larghezza e quattro metri di profondità.  Sul posto sono immediatamente arrivati il Maggiore di Polizia Locale Maria Costa insieme agli ispettori dello stesso Corpo Angela Di Vita, Patrizia Gentile, Claudio Marotta e Claudio Russo. Il Comandante e gli ispettori di Polizia Municipale hanno chiamato i vigili del fuoco di Enna che hanno provveduto a riportare in superficie, con l’ausilio di un trattore, il grosso camion. Immediatamente è stato chiamato l’ingegnere Eugenio Diliberto, funzionario del Comune di Barrafranca, che ha disposto, con provvedimento di somma urgenza,  la messa in sicurezza della zona. La signora del civico 75 e stata invitata a non utilizzare l’area della sua casa prospiciente la grossa buca. L’ingegnere Eugenio Diliberto ha espletato una gara in somma urgenza per riparare il grosso guasto. Ad aggiudicarsi i lavori è stata una ditta di Enna che provvederà, nel più breve tempo possibile, ad effettuare i lavori per la eliminazione della frana. Via Silvio Pellico è una traversa di Corso Garibaldi, in corrispondenza di via Roma, porta fino al quartiere Canale e fa parte del centro storico di Barrafranca. GAETANO MILINO   

Previous Annuncio servizi funerari agenzia G.B.G. sig. Viola Vincenzo di anni 41
Next GDF CATANIA: “Operazione Money Back”. Disarticolata associazione a delinquere finalizzata alle truffe nei confronti della Regione Lazio, riciclaggio e autoriciclaggio.