PIETRAPERZIA. Una bomba della seconda guerra mondiale in un terreno di contrada Oasi di Caulonia.

PIETRAPERZIA. Una bomba della seconda guerra mondiale in un terreno di contrada Oasi di Caulonia.

L’ordigno ritrovato da un agricoltore del luogo nel suo terreno diversi giorni addietro. L’uomo, visibilmente meravigliato e scosso, ha provveduto ad avvisare i carabinieri della stazione cittadina e la Polizia Locale di Pietraperzia, al comando rispettivamente del Luogotenente Giuseppe Geraci e del Maggiore Gino Stringi. Nella mattinata di venerdì 12 novembre 2021 in paese sono arrivati da Palermo gli artificieri dell’Esercito 4° Reggimento Genio Guastatori di Palermo. Forze Operative Sede di Napoli e da Catania ufficiali medici sempre dell’Esercito. Sul posto dove si trovava l’ordigno sono arrivati gli artificieri dell’Esercito e gli ufficiali medici . All’Oasi di Caulonia pure la polizia Locale e i Militari dell’Arma di Pietraperzia che hanno isolato la zona e deviato il traffico in altre strade. L’ordigno é stato prelevato dagli artificieri dell’Esercito e portato in una cava di briciolino di Pietraperzia dove é stato fatto brillare nella più assoluta sicurezza. La notizia in paese si é diffusa in poco tempo. Infatti ha suscitato curiosità nella gente la presenza dell’Esercito e in molti si sono chiesti il motivo della presenza a Pietraperzia dei militari dell’esercito. Non é la prima volta che a Pietraperzia vengono ritrovati ordigni bellici. Una bomba, sempre della seconda guerra mondiale, era stata ritrovata alcuni anni fa in un terreno sottostante il quartiere Costa. Anche allora erano intervenuti gli artificieri dell’esercito che avevano trasportato l’ordigno in un’altra zona per farlo brillare in assoluta sicurezza. GAETANO MILINO    

Previous L’AQUILA. Apertura 14° L’Aquila Film Festival. Evento speciale “La legge del terremoto” di Alessandro Preziosi anteprima assoluta.
Next GDF CATANIA. “Operazione Genius”. Corruzione per l’aggiudicazione di lavori pubblici in provincia di Catania. Eseguite 6 misure cautelari nei confronti di pubblici ufficiali e imprenditori.