BARRAFRANCA. Legittimata dalla Commissione Straordinaria l’azione dell’Amministrazione Accardi e della sua maggioranza sulla retroattività delle aliquote” Provvedimenti obbligatori per legge”

La Commissione Straordinaria con i poteri della Giunta Comunale con le Delibere n 27 e 28 del 09/06/2021 ha deciso in merito alle aliquote retroattive di impugnare davanti al CGA la sentenza del TAR di Catania e le sentenze emesse dalla Commissione Tributaria. Aldilà di quello che stabiliranno i giudici, per noi i provvedimenti rivestono un importante valore politico. Amministrativo. Oggi con questi provvedimenti approvati da una Prefetto, da un Vice Prefetto e da un funzionario economico finanziario della Prefettura è stato confermato che l’amministrazione Accardi ha agito nell’interesse pubblico a tutela dell’ente e dei cittadini. Il nostro partito è stato forza di governo nella legislatura trascorsa è le valutazioni che ci hanno spinto a dare seguito a quello che ci obbligava il Ministero coincidono perfettamente con quelle della Commissione Straordinaria che ha evidenziato chiaramente nel corpo delle delibere allegate a questo comunicato :

  • l’Ente ha agito sulla base di istruzioni ministeriali
  • l’adozione dei provvedimenti era obbligatorio per legge
  • tutelare l’ente e far valere eventuali ragioni nei confronti delle istituzioni ministeriali che hanno determinato l’obbligo dell’adozione degli atti, nell’esclusivo interesse dell’Ente, stante che la mancata riscossione potrà creare gravi problemi economici.

Oggi questi provvedimenti fanno chiarezza e dimostrano che governare e tutelare i cittadini è una cosa, fare populismo è altro. Continueremo il nostro lavoro a tutela della città con idee, proposte e contribuire a valorizzare e conservare le tradizioni del nostro territorio.

Barrafranca li 12/06/2021 A nome del partito di Forza Italia

Il Commissario Giovanni Patti

Previous ASP Enna. Superato il 50% della popolazione da vaccinare
Next ENNA. L’associazione Luciano Lama distribuisce aiuti alimentari a persone in gravi condizioni di indigenza