ENNA. Avviato programma di distribuzione di generi di prima necessità a famiglie locali in stato di indigenza.

Avrà una cadenza mensile la distribuzione di generi di prima necessità a lunga scadenza a famiglie locali indigenti da parte dell’Associazione di Volontariato Ong Luciano Lama che ha aderito ad un progetto di aiuti alle popolazioni in difficoltà in cui capofila è la sede provinciale della Croce Rossa di Caltanissetta. Stamattina 1 aprile nella sede dell’Associazione in via Civiltà del Lavoro a Enna bassa i volontari dell’Associazione hanno effettuato la prima distribuzione ai circa 40 nuclei famigliari che nelle scorse settimane si sono registrate e su cui è stato riscontrato che avessero i requisiti per poter entrare nel progetto. La prossima distribuzione avverrà a maggio. Ma chi volesse fare parte del programma lo può fare recandosi nei giorni di martedì e mercoledì nella sede dell’Associazione Luciano Lama presentando il documento Isee ed acquisendo le informazioni riguardo alle modalità di eventuale ammissione al beneficio. Ricordiamo che il  Programma ha come obiettivi sia un intervento immediato di sostegno alimentare con la distribuzione dei pacchi e parallelamente un’azione con misure di accompagnamento al fine di alleviare l’esclusione sociale cercando di fronteggiare le emergenze collettive in modo più cosciente e sostenibile. “E’ iniziata oggi per la nostra Associazione questa nuova esperienza umanitaria e che si svolge tutta in casa nostra – ha commentato il Presidente dell’Associazione Michele Sabatino presente stamattina alla prima giornata di distribuzione – stiamo vivendo un momento storico e di eccezionale difficoltà. Ed in questi momenti servono interventi eccezionali anche nel piccolo come il nostro a sostegno della fascia di società sempre più in difficoltà e che si va pericolosamente sempre più ampliando”. GAETANO MILINO

Previous PIETRAPERZIA. Il carrello della solidarietà e numerose altre iniziative dalla Associazione A.P.S. “Pietraperzia 2.0”.
Next Barrafranca: all’ISISS Falcone, nell’ambito del Progetto “Semi di Lampedusa”, seminario online con Tareke Brahne e Vito Fiorino