SICILIA, GIARRIZZO (M5S): NECESSARIO NOMINARE NUOVO COMMISSARIO PER GESTIONE EMERGENZA COVID

SICILIA, GIARRIZZO (M5S): NECESSARIO NOMINARE NUOVO COMMISSARIO PER GESTIONE EMERGENZA COVID

“La gravità di quanto emerso dalle indagini della procura di
Trapani sulla trasmissione di dati falsati sulla pandemia
richiede azioni politiche urgenti, il tutto non può esaurirsi con le
dimissioni dell’assessore regionale alla Salute, Razza, e con
l’assunzione ad interim dell’incarico da parte del presidente della
Regione Siciliana, Nello Musumeci. Come avevo annunciato ieri, lo stesso
Musumeci, già commissario regionale dell’emergenza Covid in Sicilia,
dovrebbe valutare di fare un passo indietro da questo delicato ruolo. In
tale direzione va, adesso, l’interpellanza che abbiamo depositato con
i colleghi parlamentari del Movimento 5 Stelle alla Camera e rivolta al
Ministero della Salute, a prima firma della deputata Marialucia
Lorefice, presidente della commissione Affari Sociali e Sanità. Nel
dettaglio, si chiede al Governo nazionale di procedere alla revoca della
nomina del Presidente Musumeci quale commissario delegato per
l’attuazione degli interventi finalizzati alla realizzazione delle opere
previste nel piano regionale e di ogni altra delega o nomina conferita
relativamente all’emergenza Covid-19, con conseguente riacquisizione
dei poteri connessi a tali deleghe direttamente in capo al commissario
straordinario per l’emergenza Covid-19”. Così il vicepresidente della
commissione Attività produttive alla Camera, il deputato M5S Andrea
Giarrizzo.
“Attraverso lo stesso atto parlamentare – conclude Giarrizzo – si
richiede anche l”intervento del Ministero mediante l’implementazione
delle misure di vigilanza sul flusso dei dati epidemiologici che vengono
trasmessi all’Istituto Superiore di Sanità al fine di evitare che simili
situazioni si ripetano anche in altre regioni”. GAETANO MILINO

Previous 50° di sacerdozio di Don Vincenzo Nicosiano, Salesiano di Don Bosco
Next INCENDI, TRENTACOSTE (M5S): NESSUNA PREVENZIONE DALLA REGIONE, SERVE CAMBIARE RADICALMENTE PARADIGMA E PROGRAMMARE PER TEMPO LA CAMPAGNA REGIONALE ANTINCENDIO