Barrafranca. Il Duomo di Milano, l’ultima opera di Gaetano Privitello

Barrafranca. Il Duomo di Milano, l’ultima opera di Gaetano Privitello

Barrafranca. Gaetano Privitello è un artista barrese che attraverso l’uso della tecnica del traforo realizza le sue opere mettendoci grande passione, estro e fantasia. Ha partecipato a numerose mostre e mercatini in tutta la Sicilia presentando dai piccoli oggetti utili per la casa ad opere di alto livello qualitativo. Questa volta Gaetano Privitello si è cimentato nella realizzazione di un opera che lo ha impegnato per tantissimo tempo, il Duomo di Milano sue innumerevoli guglie e la Madonnina.

“Si è vero, ho fatto molte opere pensando alla quotidianità della gente, ad oggetti da utilizzare in casa e per ornamento ma la mia passione è stata sempre la costruzione di monumenti come la torre Eiffel, la Mole Antonelliana il Big Ben” ci dice Gaetano Privitello “il Duomo di Milano era uno degli obiettivi ma la sua complessità mi bloccava finché mi sono armato di coraggio pazienza e passione per questa arte, ed è scattata la scintilla senza pensare al tempo necessario per la sua costruzione e così sono arrivato a questo risultato”.

Quanto ha impiegato per la realizzazione di quest’opera?
“Ho impiegato più di 8 mesi di lavoro dedicando molto del mio tempo libero. Devo dire che il lockdown mi ha dato una mano, Le difficoltà sono state molte, pensate ai pezzi piccolissimi di legno delle guglie, stavo per mollare ma la passione mi ha fatto arrivare alla conclusione”

Gaetano Privitello ha conosciuto l’arte e la tecnica del traforo a scuola, come tanti altri studenti di tanti anni addietro “Si ho conosciuto il traforo a scuola, ricordo che era un metodo di insegnamento e me ne sono innamorato subito, naturalmente non ho mai tralasciato l’altra mia passione che è la musica”. Abbiamo dimenticato di chiedere a Gaetano che opera ci ha riservato per il futuro, quale monumento tirerà fuori dalla piccola lama del suo strumento di lavoro, ma si sa gli artisti sono molto spesso imprevedibili, auguri e alla prossima.

Previous PIETRAPERZIA. DOPO CIRCA UN ANNO PIETRAPERZIA HA UN NUOVO INGEGNERE
Next Barrafranca. VIDEO. Festa di Santa Lucia, Santa Messa