BARRAFRANCA. Ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato. Approvato dal consiglio comunale il preventivo dal 2014 al 2018.

BARRAFRANCA. Ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato. Approvato dal consiglio comunale il preventivo dal 2014 al 2018.

BARRAFRANCA. L’approvazione dopo tre giorni consecutivi di lavori d’aula. La seconda giornata si è conclusa alle tre del mattino. I lavori d’aula erano stati convocati dal presidente del consiglio comunale Giovanni Di Dio. Il preventivo per le cinque annualità approvato con il voto favorevole di 9 consiglieri comunali. I bilanci di previsione – dopo 5 anni di dissesto finanziario – sono stati approvati dalla maggioranza dei 16 consiglieri comunali presenti in aula. Hanno votato favorevolmente i consiglieri Danila Flammà, Stella Strazzanti e Fabrizio Ferrigno del Pdr. Sì anche da Michele Strazzante e Giovanni Patti di Forza Italia e dafgli indipendenti – ex Pd – Vanella Alessi Batù e Giuseppe Vetriolo. Hanno votato a favore pure Calogero Zuccalà di Sicilia Democratica e il presidente del consiglio comunale Giovanni Di Dio di Idea Comune.

Le opposizioni, pur sottoscrivendo un documento comune presentato e letto in aula, si sono divisi nel voto. Si sono astenuti i tre consiglieri del Movimento 5 Stelle Katia Baglio, Jasmin Barresi e Alessandro També. La consigliera comunale Clorinda Perri ha votato contro per gli esercizi finanziari 2014 e 2015 e si è astenuta per il 2016, 2017, 2018. Voto contrario dai consiglieri comunali Kevin Cumia – Pd – Giuseppe Ferrigno del Megafono e Salvatore Cumia Udc.

Ora il consiglio comunale di Barrafranca si deve esprimere sul consuntivo per gli esercizi finanziari che vanno dal 2014 al 2018. Successivamente dovrà approvare preventivo e consuntivo 2019 e 2020.

Il sindaco di Barrafranca Fabio Accardi afferma: “Ieri 19 giugno 2020 si è scritta una pagina nuova nella storia di Barrafranca perché, finalmente, dopo sette anni, si approvano i bilanci 2014, 2015, 2016, 2017 e 2018. Sono i bilanci di previsione che rientrano nell’ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato approvata dal consiglio comunale nel giugno 2019 e poi, con decreto del Ministero degli Interni, all’inizio del 2020”.

“È una giornata storica – continua il sindaco Fabio Accardi – perché è l’indice di un cambiamento. Questo indica che noi stiamo governando bene la città, c’è una politica responsabile che ha fatto le scelte giuste in un momento storico particolare dove non guardiamo alle prossime elezioni ma guardiamo al bene delle future generazioni della nostra comunità”. Il sindaco Fabio Accardi aggiunge: “Certo, siamo consapevoli che ancora c’è tanto da fare e che talora non riusciamo a dare ai nostri concittadini quelle risposte che ci chiedono e che si vedono e che sono la viabilità, il servizio idrico, però tutto ciò passa attraverso questa politica di risanamento e l’uscita dal dissesto finanziario del Comune di Barrafranca. Oltre a ciò, in questi quattro anni, questa amministrazione comunale si è impegnata per risolvere altri problemi titanici del nostro Comune tra cui il problema Enel Sole – c’era un contratto capestro che, finalmente, stiamo chiudendo positivamente per il nostro Comune -, la questione rifiuti che abbiamo risolto, la macchina burocratica del Comune che era allo sbando quando ci siamo insediati. Oggi abbiamo una nuova struttura organizzativa ed è abbastanza produttiva”. Il sindaco Fabio Accardi continua: “Sappiamo che ancora c’è tanto da fare ma siamo consapevoli che, se continuiamo così, con il buon governo, con la politica responsabile, riusciremo a consegnare alla città una Barrafranca nuova”. “Naturalmente, poi, dipende da tutta la comunità – conclude il sindaco Fabio Accardi – che deve consapevolmente comprendere che una città nuova si può avere solo se rinnoviamo anche il nostro modo di essere cittadini pagando i tributi e facendo ognuno il proprio dovere”.

L’assessore al bilancio Giuseppe Barbagallo dice: “Con l’approvazione dei Bilanci di Previsione per gli anni 2014, 2015, 2016, 2017 e 2018 è iniziata lka fase di ottemperanza delle prescrizioni ministeriali che si concluderà con l’approvazione dei rendiconti per le annualità dal 2014 al 2018, con l’approvazione del Bilancio di Previsione e del Rendiconto 2019 e del Bilancio di Previsione 2020”.

“L’approvazione di tutti questi strumenti – continua l’assessore Giuseppe Barbagallo – è necessaria per condurre l’Ente Comune fuori dal dissesto e a un risanamento finanziario dei conti. Sobo molto fiducioso” L’assessore al Bilancio Giuseppe Barbagallo conclude: “Confido nel buonsenso e nel senso di responsabilità d tutti i consiglieri comunali, ampiamente dimostrato, per l’approvazione dell’Ipotesi di Bilancio Stabilmente riequilibrato e dei bilanci di previsione per le annualità dal 2014 al 2018”.

Il presidente del consiglio comunale Giovanni Di Dio afferma: “Sono stati approvati dal consiglio comunale di Barrafranca i Bilanci di Previsione che vanno dal 2014 al 2018. Rappresenta un momento importante per il Comune di Barrafranca e per tutta la nostra comunità perché segna un passaggio fondamentale nel percorso che porterà fuori lo stesso Comune di Barrafranca dal dissesto”. Il tutto – continua Giovanni Di Dio – parte dal 2016, quando, con l’insediamento del commissario straordinario, viene fatta la dichiarazione del dissesto che parte dall’anno 2014. L’amministrazione comunale che si insediò dopo l’amministrazione Lupo ha lavorato all’ipotesi del bilancio stabilmente riequilibrato il quale è stato inviato al Ministero Economia e Finanze ed è stato approvato con delle prescrizioni che sono state recepite dal Comune e calate nei bilanci di previsione. Sono passate nuovamente al vaglio del Ministero Economia e Finanze il quale, con alcune piccole modifiche, li ha approvati”. “I bilanci – continua il presidente dei consiglio comunale Giovanni Di Dio – sono stati attentamente valutati dai Revisori dei Conti i quali hanno dato parere positivo, oltre che dagli uffici competenti, sono stati approvati in giunta dalla amministrazione municipale per poi passare al vaglio del consiglio comunale che li ha approvati in un tempo sufficientemente ragionevole prima della scadenza fissata per il prossimo 30 giugno. A questa fase seguirà la redazione dei bilanci consuntivi che il consiglio comunale di Barrafranca dovrà approvare entro il 30 settembre”. Giovanni Di Dio continua: “Questo rappresenta un momento fondamentale e importante per il Comune di Barrafranca e per tutta la nostra comunità e sono convinto che ci porterà fuori dal dissesto. Ciò non vuol dire che sarà tutto rose e fiori. Ci sarà molto da lavorare affinché si possa avere una ripresa economica e finanziaria del nostro Ente Comune”. E conclude: “Un ringraziamento a tutti i consiglieri comunali. Anche se il dibattito e il confronto politico, a tratti, è stato aspro e duro, si è svolto nel rispetto reciproco delle persone nonostante si trattasse di una problematica molto importante. A tutti i consiglieri comunali va quindi il mio ringraziamento in tal senso”. GAETANO MILINO

Previous Annuncio Centro servizi funerari G.B.G. Genovese Mancuso Stella 87
Next "Strade sicure", al comando del colonnello Salvatore També il 2° Reggimento Pontieri, lascia la guida del Raggruppamento Lombardia-Trentino Alto Adige