PIAZZA ARMERINA. La Forestale compra un paio di occhiali per una bimba che rischiava la cecità.

PIAZZA ARMERINA. La Forestale compra un paio di occhiali per una bimba che rischiava la cecità.


PIAZZA ARMERINA. In tempo di coronavirus 19 taluni gesti ed azioni acquistano un significato molto nobile. La storia, da libro “Cuore”, si svolge nel periodo pasquale ma si è venuti a conoscenza solo ora. Protagonista, suo malgrado, una famiglia che, proprio a causa del coronavirus, si trova in gravi difficoltà economiche. Il padre non riesce più a lavorare e quindi a portare a casa l’unica fonte di sostentamento per il suo nucleo familiare. Tra i componenti di quella famiglia in difficoltà, anche la figlia, una bimba che frequenta la scuola primaria. La piccola ha bisogno assoluto di un paio di occhiali da vista. Lei non sa come fare, i suoi genitori non sanno a quale santo votarsi. Quegli occhiali, per la bimba sono assolutamente necessari, ma non ci sono i soldi per poterglieli comprare.  Della commovente storia vengono a conoscenza le forze del distaccamento del Corpo Forestale della città dei Mosaici. Senza pensarci su due volte, parte subito, tra di loro, una raccolta di fondi per potere soddisfare la necessità di un paio di occhiali da vista per quella sfortunata bimba. Da lì a poco si raggiunge la somma necessaria a comprarglieli e, nel giro di poco tempo, alla ragazzina arrivano degli occhiali da vista nuovi di zecca pagati grazie all’atto di generosità degli operatori del distaccamento del Corpo della Forestale di Piazza Armerina. La piccola, felice e raggiante, si sente in dovere di inviare alla Forestale di Piazza Armerina una lettera di ringraziamento scritta di suo pugno in un foglio protocollo a righe. Questo il toccante messaggio della bimba: “Scrivo questa lettera per ringraziarvi del regalo che mi avete fatto; è stato il più bel regalo. Io ringrazio tutto il Corpo Forestale di Piazza Armerina e vi ringrazio per tutto quello che avete fatto per noi”. “Siete persone gentili con noi”, scrive ancora la piccola. E conclude: “Quello che avete fatto voi non l’avrebbe fatto nessuno. Siete delle persone speciali. Vi ringrazio di cuore. Con affetto da…”. Nella stessa pagina la scritta “Aprite qui” e una freccia. Nelle due pagine interne del foglio a caratteri cubitali “Vi ringrazio tutti”. Le lettere di diversi colori. Ad arricchire le due pagine interne del foglio, otto cuoricini rosa con, all’interno di ognuno di essi, “Grazie”. Intercalati con i cuoricini, nove fiori di colore azzurro. GAETANO MILINO

Previous Nicosia. Personale del Commissariato deferisce il titolare di una rivendita di tabacchi per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
Next Barrafranca. "Basta menzogne ed ipocrisia", così il gruppo di FI Giovanni Patti e Michela Strazzante