PIETRAPERZIA. Poesia di Matilde Puzzo su La Cateva

PIETRAPERZIA. Poesia di Matilde Puzzo su La Cateva

PIETRAPERZIA. Il testo scritto in dialetto pirzisi. La Cateva è una chiesetta di antica costruzione attaccata alla chiesa madre. La sua costruzione si fa risalire ai primi del Cinquecento. Alcuni ritengono che essa sia stata costruita in epoca anteriore alla Madrice. È pochissimo illuminata ed ha la volta a botte, bassissima; raggiunge un’altezza da tre a quattro metri. Essa si apre al culto dei fedeli una volta all’anno, nel mese di maggio. Nel centro del secondo arco che divide l’abside dallo spazio destinato ai fedeli, in uno scomparto ottagonale, è la figura del Salvatore, dipinta su tela ed attaccata al muro. Nella parete di fondo, di fronte all’altare, vi è un quadro raffigurante la Madonna della Stella. Sull’altare, un Cristo sulla croce, dipinto su tela. A Pietraperzia il mese di Maggio oltre ad essere dedicato, con devozione, alla Madonna della Cava, è anche dedicato a Gesù Crocifisso che si trova presso la chiesa “Cateva” che viene aperta una volta l’anno ed è proprio molto sentito dai Pietrini il recarsi là per colloquiare, con preghiere tipiche tradizionali, con Gesù Crocifisso instaurando un rapporto Paterno e filiale. Questo il testo integrale della poesia di Matilde Puzzo:
La Cateva.
‘Na vota l’annu
lu Pirzisi aspetta ccu tantu amuri e affannu
ca si grapi la Chisa di la Cateva
ppi iri nti lu nustru amatu Gesù Crucifissu.
iniziu e fini di ogni cristianu
viventi e ferventi.

Ppi sentiri lu so jauru d’amuri
datu ppi nuantri piccaturi.
Anchi li mura di jauru pungenti
cumu spini attraversanu
lu corpu di tutti nuantri credenti.

Arruviglianu anchi la storia umana
di tradizioni, di devozioni e di piccatura
ca anu iutu e sempri vanu a truvari
Nostru Signuri Chinu D’Amuri
Ccu preghiri d’affettu
ditti di cori puru a l’amatu
Dilettu Patri Nustru Redenturi.

Catina di persuni devoti ca finu a oi
nun si spezza mai,
pirchì tramannata, a nuantri, d’umanità
passata, ferventi, nnamurata
di na Ricchizza senza fini
pirchì ié data cu lu Cori
e cu la Morti in Cruci di lu Redenturi
ppi salvari lu piccaturi
scigliutu, amatu e liberatu di Nostru Signuri.
Viva Gesù Crocifisso.
Autrice: MATILDE PUZZO.
GAETANO MILINO

Previous VI Domenica di Pasqua, la riflessione di Don Salvatore Cumia
Next PIETRAPERZIA. Gli uomini passano, le idee restano. Contest #ivoltidellalegalità.