Barrafranca. Zero contagi, nessun tampone, la città resiste

Barrafranca. Zero contagi, nessun tampone, la città resiste

Barrafranca. Il fatto che la nostra cittadina, assieme ad Aidone e Pietraperzia, non abbia contagi è dovuto sicuramente al corretto comportamento dei cittadini barresi che hanno saputo rispondere con coerenza alle direttive nazionali e prima ancora alle ordinanze del presidente della Regione Musumeci  del sindaco Fabio Accardi, e di questo ne va dato atto che, in questo senso hanno anticipato in molti casi il contenuto  dei decreti del presidente del Consiglio . Fabio Accardi ringrazia il presidente Conte “Siamo felici che ci sia lui a gestire questo momento, lo sta gestendo con grande senso di responsabilità e con la giusta sensibilità” ,
Il mantra recitato in diretta ad una platea sempre più estesa di ascoltatori su facebook, è sempre lo stesso “dobbiamo rimanere a casa”, Per i barresi rimanere a casa significa che si potrà fare la spesa fino alle 17.30 e i supermercati non chiudono nell’ora di pranzo, quindi orario conyinuato, le farmacie e le parafarmacie resteranno aperte coni loro orari, le altre attività chiuderanno alle 13.00. Un punto, che è stato contestato da qualche cittadino come limitazione della libertà sancita dalla Costituzione, è il fatto che non si può circolare sia in macchina come a piedi,a  partire dalle 20.00 fine alle 6.00, ma riteniamo che lo si possa fare comprovando luna eventuale necessità o urgenza segnandola opportunamente sul foglio adeguatamente compilato. “Comportandoci in questo modo” continua il sindaco Accardi “appena ne usciamo potremo dire sono stato io, ognuno di noi a sconfiggere il coronavirus, ogni cittadino deve fare la sua parte”.
La consuetudine di molti cittadini barresi è quella di recarsi al cimitero in particolare in un giorno di domenica o di festa, ricordiamo che il cimitero è chiuso e non si può uscire di casa. Nel suo giro domenicale di oggi il sindaco assieme alla polizia municipale ha portato davanti al cancello chiuso del cimitero  una composizione di fiori in un cesto offerto fioraio barrese, il sig. La Rosa, un minuto di silenzio come pensiero e preghiera per tutti i nostri cari che riposano in quel luogo Santo.
Ed infine un invito alla cittadinanza, che condividiamo, che è quello di non condividere notizie che non sono vere, verificabili o da fonti non serie e istituzionali, e questo è molto importante per non creare panico e falsi allarmi nella popolazione fatto questo che viene severamente punito dalla legge.Tutti a casa, ce la faremo

Previous BARRAFRANCA. In tempo di coronavirus giovane barrese si è laureato in Giurisprudenza in video conferenza. 
Next Enna. Report settimanale (dal 14 al 21 marzo) dei controlli effettuati dalla polizia municipale a seguito dell’emergenza covid-19